Thok presenta la Mig e la Mig-R

Dopo il successo della MIG Limited Edition, la “fuori serie” dedicata al 20 volte Campione del Mondo di Trial Toni Bou, di cui sono stati venduti on line in meno di 4 settimane i 20 esemplari che verranno prodotti, THOK presenta le versioni MIG e MIG-R.

Le MIG e MIG-R presentano tutte le caratteristiche tecniche della esclusiva MIG Limited Edition, a partire dal motore Shimano Steps E8000 con batteria da 504Wh posizionata al di sotto del down tube per abbassare il baricentro ed aumentare la maneggevolezza.

Identiche anche le geometrie da vera “All Mountain”: 150mm di escursione anteriore e 140mm posteriore, angolo sterzo di 66° e angolo sella di 74° con ruote da 27,5 plus. Uguale anche il telaio, che vanta una elevata rigidità grazie alla particolare forma dell’attacco del down tube con il supporto motore, il sistema di sospensione posteriore appositamente studiato per la e-mtb ed il carro posteriore lungo appena 450mm. La ricarica della batteria è possibile sia smontandola che lasciandola montata sulla bici.

A variare, rispetto alla MIG Limited Edition, oltre alla colorazione in grigio chiaro opaco e grafiche nere per la MIG-R, in grigio scuro opaco e grafiche ROSSE per la MIG, sono le componenti utilizzate per il montaggio, che rimangono però di alta gamma in entrambi i modelli. Tutte le MIG verranno consegnate con due cover batteria, una rossa ed una nera: un modo semplice per poter disporre di due varianti colore per la stessa bicicletta.

MIG R

Forcella Rock Shox Lyric RC da 150 mm, ammortizzatore Rock Shox Deluxe RL metrico, gruppo trasmissione Shimano XT 11-46, freni a disco idraulici Shimano XT con dischi da 203 anteriore e posteriore, reggisella telescopico Thok, Ruote SunRInglè 27,5 PLUS  e gomme MAXXIS 27,5 x 2.8 EXO – TR,  Minion DHR anteriore e Rekon+ posteriore.

MIG

Forcella Rock Shox Yari RC da 150 mm, ammortizzatore Rock Shox Deluxe R metrico, gruppo trasmissione NX 11-42, freni a disco idraulici Shimano Deore con dischi da 203 anteriore e posteriore, reggisella telescopico Thok, Ruote Novatec 27,5 PLUS e gomme MAXXIS 27,5 x 2.8 EXO – TR,  Minion DHR anteriore e Rekon+ posteriore

Entrambe le versioni della MIG sono ordinabili a partire dal 20 Dicembre esclusivamente sul sito www.thokebikes.com ad un prezzo di lancio (IVA inclusa) di 3.990 euro per la MIG e 4.990 euro per la MIG-R. Le consegne sono previste a partire dal mese di Aprile 2017.

Il successo ottenuto dal progetto THOK non è stato solo di pubblico, ma ha suscitato molto interesse anche da parte degli addetti ai lavori. Nelle prossime settimane verranno comunicati i primi THOK POINT, i centri autorizzati THOK dove sarà possibile, nei prossimi mesi, “toccare con mano” le MIG e testarle.

Per una galleria completa e la geometria, cliccare qui.

21 risposte a Thok presenta la Mig e la Mig-R

  1. dingo64 20/12/2016 at 19:18 #

    Belle!

  2. Ale 81 20/12/2016 at 19:26 #

    Son belle ed il prezzo è competitivo secondo me..

  3. alexnotari65 20/12/2016 at 19:57 #

    In effetti i prezzi scendono un po’ a livello della migliore concorrenza. Resta da vedere come effettivamente andranno, in un test più lungo e probante.

  4. RuotaLibera Brescia 20/12/2016 at 20:06 #

    Su carta sembra un ottimo prodotto, ora aspettiamo di vederle dal vivo e capire come funzionano sui percorsi per il quale sono costruite.

  5. Auanagana 20/12/2016 at 20:11 #

    Belle però secondo me i 1000 euro tra la base e quella sopra non ci stanno..:???:

  6. Guma57 20/12/2016 at 20:32 #

    Esteticamente molto accattivanti e  ben accessoriate. Sarebbe bello poterle provare, dovremo aspettare qualche test per avere un riscontro

  7. alepeo 20/12/2016 at 21:07 #

    Secondo me hanno le carte in regola per aver successo

  8. Comi 20/12/2016 at 21:19 #

    Belle sono Belle mi lascia un po perplesso la batteria davanti piu che altro per l'esposizione all'acqua e fango e u n'altra che mi spaventa e comperare una bici via internet senza avere la possibilità di dialogo con il venditore e sucessiva assistenza non mi fà cosi' impazzire.

  9. marco 20/12/2016 at 21:36 #

    Belle sono Belle mi lascia un po perplesso la batteria davanti piu che altro per l'esposizione all'acqua e fango e u n'altra che mi spaventa e comperare una bici via internet senza avere la possibilità di dialogo con il venditore e sucessiva assistenza non mi fà cosi' impazzire.

    cit.

    Nelle prossime settimane verranno comunicati i primi THOK POINT, i centri autorizzati THOK dove sarà possibile, nei prossimi mesi, “toccare con mano” le MIG e testarle.

  10. Comi 20/12/2016 at 21:47 #

    allloraaaaaa cosi è un'altra cosa 🙂

  11. SGLMRC 20/12/2016 at 21:47 #

    se non erro la foto della prima bici e della seconda e' la stessa con la diversita' del solo colore…….e' chiaro che e' solo un piccolo dettaglio sta di fatto che anche la versione base viene visualizzata con la foto del modello top di gamma……e non viceversa…….sara' un caso…….comunque sulla carta bel prodotto e prezzi competitivi……

  12. FALA70 20/12/2016 at 22:05 #

    Devo cambiare bici, e questa è una delle candidate. Aspettiamo di vederla dal vivo e magari farci un giro.

  13. flaser 21/12/2016 at 09:53 #

    bella bici, mi lascia perplesso la posizione della batteria, troppo esposta all’acqua di cui le batterie soffrono molto

  14. bienne 21/12/2016 at 10:52 #

    quando sarà nei thok point? e si sa di qualche thok poin a roma?

  15. albertoalp 21/12/2016 at 17:47 #

    A me lascia perplesso il cavo del freno posteriore. La sua posizione è a rischio strappi in fuoristrada.
    Per il resto gran bella bici. Ottimo gusto come design e accostamento colori. Finalmente senza castronerie clownesche.
    Mi sembra buono il prezzo, anche se gratis era meglio.
    Spero ci sarà un Thok Point vicino a me nel Monferrato.

  16. albertoalp 21/12/2016 at 18:53 #

    Esatto! Ahahahah!

  17. Fulltux 22/12/2016 at 19:08 #

    A quanto pare il primo "point" è un negozio Storico di milano ….. ProM………….

  18. uacco74 07/01/2017 at 14:59 #

    Aggressiva e pulita al punto giusto. Sarebbe ora che qualche azienda italiana iniziasse a produrre mezzi in grado di competere con il mercato tedesco. Poi da ex trialista mi intrippa un sacco

    Inviato dal mio iPad utilizzando Tapatalk

Lascia un commento


Vai alla barra degli strumenti