Magazine

BMC Speedfox AMP ora anche in alluminio

[Comunicato stampa] BMC dà il benvenuto a due nuove e-Mtb nella sua famiglia di trail bike: Bmc Speedfox AMP FOUR e FIVE. Queste e-Mtb presentano una nuovissima e leggera struttura in alluminio per una perfetta combinazione di durata e versatilità.
Le sospensioni APS specifiche per e-Mtb sono progettate per essere super-efficienti durante la salita, ma sono flessibili e completamente attive sulle discese di singletrack per offrire le prestazioni per le quali sono famose le mountain bike BMC.

Speedfox AMP FOUR

«I progressi nella tecnologia di idroformatura ci hanno permesso di creare un telaio in alluminio leggero per le nuove Speedfox AMP – spiega Antoine Lyard, Product Manager di MTB presso BMC – La capacità di idroformatura all’avanguardia assicura la completa integrazione della batteria, una maneggevolezza e un look raffinato e di alta qualità.»

Dotata di ruote da 29″, 130 millimetri di escursione anteriore e posteriore e geometria specifica per e-MTB, la nuova Bmc Speedfox AMP è una macchina ultra-capace equipaggiata per offrire un’esperienza di guida unica nel suo genere.

Speedfox AMP FIVE

L’unità motrice Shimano, efficiente ed silenziosa, completa il carattere versatile della Speedfox AMP.  Una bici in grado di amplificare le tue capacità su qualunque sentiero, anche il più più impegnativo: è ora di ripensare quello che puoi fare con una trail bike.

Le Bmc Speedfox AMP in alluminio sono le compagne ideali per le lunghe giornate sui sentieri come per i rapidi giri serali dopo il lavoro: vai più veloce o vai più lontano, la scelta è solo tua!

Motore Shimano Steps E7000
La più recente unità motrice Shimano STEPS E7000 lavora in sincronia con il design e la maneggevolezza della Speedfox AMP, mantenendo forme compatte e leggere per assicurare una naturale sensazione di guida.
Una cover su misura protegge l’unità motrice e rende fluido il design del telaio.

La robusta protezione della batteria ha un aspetto pulito ed aggiunge affidabilità al sistema. Un pulsante di controllo di facile utilizzo e un display minimalistico delineano una postazione di controllo essenziale, per un look pulito da MTB.

Big Wheel Concept
Il Big Wheel Concept è destinato ad ottimizzare la geometria per sfruttare al meglio le qualità delle ruote da 29”. L’angolo di sterzo aperto e il lungo reach garantiscono un front-center dalle dimensioni generose per aumentare la stabilità. La stabilità dell’avantreno è abbinata a foderi compatti per una guida vivace.

Sfruttando le caratteristiche delle ruote da 29” il movimento centrale è stato abbassato per una posizione di guida bassa e centrale che dà controllo e sicurezza. In linea con il Big Wheel Concept, tutti i modelli Speedfox AMP hanno attacchi manubrio corti e manubri larghi, per garantire che il rider tragga tutti i vantaggi dalla geometria specifica da trail e-bike.

APS Suspension
Gli ingegneri BMC hanno modificato la sospensione Advanced Pivot System (APS) appositamente per le Speedfox AMP. Le sospensioni sono tarate specificamente per una e-Mtb da trail e il risultato è che puoi pedalare energicamente, frenare energicamente ed assorbire gli urti, il tutto senza compromessi.

Integrazione massima
La completa integrazione di unità motrice, batteria, cavi e tubazioni protegge questi componenti dall’esterno.
Il sensore di velocità è integrato nel fodero posteriore, per un look pulito, un cambio ruota facile e un rilevamento della velocità accurato.
Protezioni sul fodero trasmissione e all’infulcro proteggono il telaio e mantengono al minimo la rumorosità.

Le nuove Bmc Speedfox AMP Four e Five sono disponibili nelle misure Small, Medium e Large.
La Speedfox AMP Four è in vendita al prezzo di € 4.999, mentre la Speedfox AMP Five al prezzo di € 4.299.

BMC

Fondatore pedalante di www.mtb-mag.com, www.bdc-mag.com e www.emtb-mag.com. Salutò il datore di lavoro nell'ormai lontano 2002 per dedicarsi prima al...
Dobbiamo aspettarci anche la Trailfox in alluminio?
Ciao a tutti. Scrivo per raccontare la mia esperienza. Comprata la SpeedFox AMP 4 (4.999 euro) venerdì scorso. Lunedì la provo per la prima volta, faccio 1 km e mi accorgo subito che c'era qualcosa che non andava.
In pratica il tachimetro segnava più del doppio delle velocità effettiva. Faccio tutti i controlli del caso, provo a impostare le miglia invece dei km per vedere se si sbloccava qualcosa ma nulla.
Finisco il mio giro facendo i miei soliti 32 km tracciati su STRAVA con l'I-Phone, l'ODO complessivo della bici segnava : 70 km.
Riporto subito in negozio la bici e mi dicono che avrebbero verificato collegando la centralina Shimano il giorno successivo.
il giorno successivo l'amara sorpresa. Mi dicono che sulla centralina non dava nessun errore ma che sentendo la Shimano Italia gli hanno detto di smontare il motore e rimandarlo a loro perché è un "Errore conosciuto" ma necessita dell'intervento in fabbrica.
Di questo sono rimasto veramente basito. Un errore conosciuto? Al di la del fatto che se qualcuno in BMC avesso fatto un minimo test post assemblaggio , se ne sarebbe accorto subito. Questo mi fa pensare che il Controllo di Qualità in BMC non venga fatto su tutte le bici che produce (magari è a campione), però mi sarei aspettato di più da un'azienda svizzera che fa pagare una bici 5000 euro. E Shimano? Dice che è un problema conosciuto e non fa subito una circolare richiamando i propri motori?
Tutte queste ragioni mi hanno spinto a mettermi in contatto subito con BMC (Casa Madre) e Shimano (Casa Madre), perché pretendevo la sostituzione della Bici. Non riesco ad accettare che dopo aver speso 5000 euro mi ritrovo, dopo 1 km ad avere una bici "Riparata".
E qui ancora più amare scoperte. Sia la BMC che la SHIMANO hanno risposto (su FACEBOOK) al mio grido di disappunto, ma le risposte sono state pressoché standard. Le solita risposte da Call Center, evasive, piene di scuse ed a volte anche non in linea con quanto rappresentato.
La BMC comunque ha fatto finta di non leggere che stavo chiedendo la sostituzione della bici e come la Shimano, ha usato la solita frase : "Rivolgiti al tuo rivenditore che ti saprà aiutare al meglio". La Shimano inoltre si è superata.
La Shimano (Casa Madre) mi ha scritto che non è assolutamente un "errore conosciuto", mentre la Shimano Italia ha detto al rivenditore che "E' un errore conosciuto" e si è fatta inviare indietro il motore.
Sono molto amareggiato da questa esperienza, soprattutto per la policy di queste 2 compagnie di trattare il cliente in maniera asettica, con risposte standard ed inconcludenti. Se qualcuno trovasse in giro su altri siti articoli che parlano di questo difetto dell' E7000 me lo faccia cortesemente sapere.
riguardo al far girare modelli con problemi conosciuti penso lo facciano un pò tutte...
2 settimane fa ho ricevuto una Trance SX0, nella quale già da settembre si sapeva non funzionare l'app della modifiche assistenze per un problema al ride control (solo su questo modello che poi è la versione top listino 6k). Il mio conce non ne era al corrente in quanto non aveva mai venduto versioni SX0 ma io si dato che seguivo la cosa sui forum. Arriva la bici la prima cosa che faccio dal conce è provo a collegare la app, mi legge la bici per cui mi rassereno, oltretutto ero assolutamente convinto che dopo più di 6 mesi di un problema conosciuto e RIconosciuto avessere fatto rientrare tutti i vecchi ride control e avessero dotato le nuove ccon in ride control corretti.
Arrivo a casa, sto per fare l'uscita ma prima voglio abbassare la eco (da buon ex muscolare) e quando dalla app mi sposto sulla schermata delle assistenze, crasha...
Niente chiamato il conce, riportata bici e in 10 minuti mi ha cambiato il ride con uno che aveva di scorta, ma pure lui (che non conosceva il problema) si è incazzato come una biscia con la casa madre...
Su altri lidi se non erro si sapeva di problemi ai cuscinetti di Bosch, ma non mi addentro...
Insomma sei in compagnia
Ecco perché al di la della bici preferisco motore bosch
Ciao a tutti. Scrivo per raccontare la mia esperienza. Comprata la SpeedFox AMP 4 (4.999 euro) venerdì scorso. Lunedì la provo per la prima volta, faccio 1 km e mi accorgo subito che c'era qualcosa che non andava.
In pratica il tachimetro segnava più del doppio delle velocità effettiva. Faccio tutti i controlli del caso, provo a impostare le miglia invece dei km per vedere se si sbloccava qualcosa ma nulla.
Finisco il mio giro facendo i miei soliti 32 km tracciati su STRAVA con l'I-Phone, l'ODO complessivo della bici segnava : 70 km.
Riporto subito in negozio la bici e mi dicono che avrebbero verificato collegando la centralina Shimano il giorno successivo.
il giorno successivo l'amara sorpresa. Mi dicono che sulla centralina non dava nessun errore ma che sentendo la Shimano Italia gli hanno detto di smontare il motore e rimandarlo a loro perché è un "Errore conosciuto" ma necessita dell'intervento in fabbrica.
Di questo sono rimasto veramente basito. Un errore conosciuto? Al di la del fatto che se qualcuno in BMC avesso fatto un minimo test post assemblaggio , se ne sarebbe accorto subito. Questo mi fa pensare che il Controllo di Qualità in BMC non venga fatto su tutte le bici che produce (magari è a campione), però mi sarei aspettato di più da un'azienda svizzera che fa pagare una bici 5000 euro. E Shimano? Dice che è un problema conosciuto e non fa subito una circolare richiamando i propri motori?
Tutte queste ragioni mi hanno spinto a mettermi in contatto subito con BMC (Casa Madre) e Shimano (Casa Madre), perché pretendevo la sostituzione della Bici. Non riesco ad accettare che dopo aver speso 5000 euro mi ritrovo, dopo 1 km ad avere una bici "Riparata".
E qui ancora più amare scoperte. Sia la BMC che la SHIMANO hanno risposto (su FACEBOOK) al mio grido di disappunto, ma le risposte sono state pressoché standard. Le solita risposte da Call Center, evasive, piene di scuse ed a volte anche non in linea con quanto rappresentato.
La BMC comunque ha fatto finta di non leggere che stavo chiedendo la sostituzione della bici e come la Shimano, ha usato la solita frase : "Rivolgiti al tuo rivenditore che ti saprà aiutare al meglio". La Shimano inoltre si è superata.
La Shimano (Casa Madre) mi ha scritto che non è assolutamente un "errore conosciuto", mentre la Shimano Italia ha detto al rivenditore che "E' un errore conosciuto" e si è fatta inviare indietro il motore.
Sono molto amareggiato da questa esperienza, soprattutto per la policy di queste 2 compagnie di trattare il cliente in maniera asettica, con risposte standard ed inconcludenti. Se qualcuno trovasse in giro su altri siti articoli che parlano di questo difetto dell' E7000 me lo faccia cortesemente sapere.
Ecco perché al di là della bici preferisco bosch alla concorrenza, anche se, nel motore bosch cx c'è un problema con un cuscinetto.
Mi auguro che qualche tecnico shimano o BMC legga il nostro forum, ma almeno noi lo sappiamo.
Fin che spendi un pacco va tutto bene ma poi quando si tratta di responsabilità, garanzia, assistenza, cortesia siamo messi malissimo.
Auguri Skud 75.
paragone non appropriato secondo me....mica ti danno una bici nuova coi cuscinetti che grattano...che poi tra l'altro nemmeno a tutti succede ora che c'è la modifica al ragnetto e se si ingrassa di frequente ...e se succede dopo molto tempo..
A casa mia se fornisco un prodotto che so che alla lunga potrebbe avere problemi, faccio un bel richiamo e come minimo cerco di modificare il prodotto almeno sulle nuove uscite.
Io da cliente mi aspetterei questo, come mi aspetterei controllassero tutti i ride control di Giant e tutti i motori di Shimano...chiediamo troppo per biciclette che costano più di 5k....? ripeto...biciclette....
Poi è una mia opinione
Mai sentita sta storia "nota" del motore Shimano....
Un mio amico lavora in Olanda per conto di una società che "studia le opinioni" dei tanti utenti su qualsiasi forum.
Le opinioni vengono scaricate, catalogate e riferite alle ditte che richiedono la ricerca di mercato per sapere come vengono apprezzati i loro prodotti.
Spero che i costruttori di bici e motori leggano nei forum, sopratutto questo. :)
Mai sentita sta storia "nota" del motore Shimano....
"nota"...... nel mio caso è l'E7000, non mi sembra sia in giro da tanto....... quindi ci sta che a SHIMANO ITALIA sia nota , ma agli utenti NO !!!!
La cosa che più non mi va giù è che la SHIMANO (CASA MADRE) neghi quello che dice la SHIMANO Italia, dopo aver detto di averli sentiti. E soprattutto la cosa che non mi va giù è che ho pagato 5000 euro da 8 giorni e sono a piedi !!!
"nota"...... nel mio caso è l'E7000, non mi sembra sia in giro da tanto....... quindi ci sta che a SHIMANO ITALIA sia nota , ma agli utenti NO !!!!
La cosa che più non mi va giù è che la SHIMANO (CASA MADRE) neghi quello che dice la SHIMANO Italia, dopo aver detto di averli sentiti. E soprattutto la cosa che non mi va giù è che ho pagato 5000 euro da 8 giorni e sono a piedi !!!
E' vero che si parlava del 7000, non l'avevo considerato. Spero ti risolvano la questione al più presto....
sono 8 giorni che il motore è alla Shimano Italia ed ancora nessuna notizia. La BMC invece non si è mai espressa al riguardo. Sarebbe stato meglio se fossi rimasto con Bottecchia.
Ho appena ritirato la bici. Mi hanno sostituito il motore con uno nuovo di zecca (non che l'altro fosse vecchio, ha fatto 20 km). L'ODO infatti segna 1 km.
La prendo dal rivenditore, accendo Strava........
il risultato in allegato.... Vedi l'allegato 18325
S