Test

Comparativa Thok/Shimano Centurion/Bosch Giant/Syncdrive

Per capire velocemente le potenzialità di bici e motori, ho individuato un veloce giro sul Garda, durante il Bike Festival, un anello di pochi kilometri che mi permettesse di mettere alla prova ebike e motori in diverse situazioni.

Le protagoniste di questa comparativa sono:

THOK MIG

20170430_115440

CENTURION NO POGO E2000.27+

20170501_120404-01

GIANT E-FULL+ 0 PRO

20170501_120404-02

Tre emtb diverse, per geometrie, montaggio e soprattutto motore.

Analisi statica

La Thok Mig si presenta come la più corsaiola del lotto, con geometrie moderne, carro di soli 450mm, molto corto per una 27+, angolo sterzo di 66° e Reach 426mm (taglia M).

Telaio ben rifinito adotta un quadrilatero con giunto Horst, un montaggio completo di buona qualità, affidato a Shimano e Sram, sospensioni Rock Shox con 140mm disponibili  al posteriore e 150mm all’anteriore.

Il motore è  Shimano  E8000 con 3 modalità di assistenza,  batteria da 504 wh posizionata sotto il tubo obliquo, semintegrata al telaio e ben protetta da una “gabbia” in plastica e da una cinghia in gomma. L’unica con la possibilità di montare un portaborraccia.

20170501_124609

La Centurion No Pogo è la più equilibrata, geometrie moderne ma non troppo spinte, carro da 468mm e angolo sterzo da 67° e reach 417mm (taglia 43).

Il telaio adotta un cinematismo molto articolato con ben 3 bielle di rinvio, sospensioni Fox dotate di 145mm di escursione alla ruota posteriore e 150mm a quella anteriore, montaggio media gamma misto Shimano/Sram.

Il motore è il super collaudato Bosch Performarce CX, con batteria da 500wh semintegrata sopra al tubo obliquo. Abbiamo a disposizione 4 modalità di assistenza.

20170501_120802

La Giant e-full è caratterizzata dalle geometrie piu conservatrici, carro da 463mm, angolo sterzo da 67° e reach da soli 403mm.

La sospensione affidata al solito sistema Maestro di casa Giant offre 140mm di escursione posteriore e 140mm anteriori entrambi affidate ad unita Fox Factory Kashima. Troviamo un gruppo Shimano XT a completare il montaggio.

Il motore è il nuovo SyncDrive Pro, powered by Yamaha, in pratica un’unità PWX con display e comando remoto personalizzato da Giant, dotato di ben 5 modalità di assistenza. La batteria da 500wh è integrata nel tubo obliquo.

20170501_120457

Motori

Le tre unità sono dotate di 250w di potenza e sono limitate a 25kmh di velocità assistita,  come previsto dalla legge.

Shimano: le dimensioni molto contenute, ha un comportamento molto naturale nelle prime due modalità  (ECO e TRAIL), specialmente la seconda, assiste bene ad ogni pendenza e ha una buona progressione. La modalità BOOST invece risulta poco modulabile ed in alcuni casi può mettere in difficoltà,  se la usiamo in pianura, avvertiremo un fastidioso stacco arrivati alla soglia di 25kmh.

Il motore spinge bene ad ogni regime di pedalata, ma si percepisce un ritardo nello stacco del motore quando si smette di pedalare, si nota specialmente quando ci si sta preparando per un salto e quella spinta indesiderata, potrebbe sorprenderci.

Il display a colori è minimale e ben protetto montato dietro al manubrio, per cambiare la visualizzazione delle informazioni disponibili bisogna agire su un piccolo tasto sulla cornice del display staccando una mano dal manubrio.

Il comando riprende le fattezze di un trigger da deragliatore, molto ergonomico ma invadente, costringe a scendere a compromessi per posizionare il comando remoto che aziona il reggisella telescopico, che a me piace avere il più vicino possibile alla manopola sinistra.

20170501_124549

Bosch: lo troviamo montato su vari modelli di molti produttori, ormai è un prodotto conosciuto ed apprezzato per la sua erogazione adatta ad un uso sportivo, le 4 modalità sono bene spaziate e ci permettono di scegliere sempre l’assistenza più adatta per affrontare l’ostacolo davanti a noi, molto utile la spinta aggiuntiva al variare della cadenza tipo quando alleggeriamo la pedalata per cambiare rapporto, lui subito dopo ci da una bella spinta per ritornare velocemente al ritmo di pedalata ottimale. Le modalità più alte potrebbero sorprendere i meno aggressivi specialmente nelle sezioni trialistiche.

Il display montato era il Purion, minimale ed essenziale, integra i pulsanti +- per variare le assistenze e va posizionato in prossimità della manopola sinistra in posizione comoda ma poco visibile.

20170501_120914

Il Syncdrive Pro è appena arrivato sul mercato, utilizza un’unità più evoluta rispetto al Syncdrive Sport montato su altri modelli Giant, il feeling è tipico Yamaha, pronto appena si appoggia il piede sul pedale, preferisce ritmi di pedalata non troppo veloci ma potenti, non ha molto allungo, già sui 90rpm ha già dato tutto… siamo costretti a lavorare maggiormente con il cambio per mantenerlo nel regime corretto. Il motore spinge bene sulle salite continue ma mette in difficoltà il rider quando deve affrontare strappi molto ripidi, in pratica un ottimo passista non amante degli scatti. È anche il più rumoroso dei tre.

Il display è piuttosto voluminoso posizionato al centro del manubrio, molto chiaro e leggibile, fornisce parecchie informazioni tra le quali anche la pecentuale di batteria residua.

Il comando dotato di 4 pulsanti, facile ed intuitivo, è integrato nel collare della manopola sinistra,  non ho capito se si può staccare ed usare con manopole differenti. Purtroppo ci costringe a posizionare il comando del telescopico in una posizione non ottimale.

20170501_120653

Salita scorrevole

Tutte e tre le bici si comportano molto bene, hanno una posizione molto comoda, troverete senza problemi il grado di assistenza più idoneo alla vostre esigenze.

Salita tecnica

Anche qui si comportano tutti adeguatamente ma con caratteristiche diverse:

  • Thok/Shimano la più naturale in modalità trail, ha sempre una buona trazione e non mette mai in difficoltà il rider. Equilibrato.
  • Centurion/Bosch bici maneggevole, motore sportivo, ottima accoppiata in questo frangente, sempre pronta e scattante, necessità un po’ di perizia nelle assistenze più alte. Sportivo.
  • Giant/Syncdrive, il motore meno scattante, sale con calma senza guizzi improvvisi, ama le spinte vigorose di gambe potenti. La bici ha un attacco manubrio piuttosto lungo con una posizione di seduta arretrata, non il massimo per me. Passista.

Salita estrema

  • La Thok sale bene ma ha una posizione di guida più votata alla discesa,  si sente qualche piccolo alleggerimento ma nulla di incontrollabile. Lo Shimano approccia molto bene anche ad rpm molto elevati, non molto facile invece sulle ripartenze o se perdiamo velocità prima di un ostacolo.
  • Centurion trovato il giusto rapporto e domata l’esuberanza del Bosch, ti porta ovunque, ma attenti, sgommate ed impennate vi potrebbero far perdere la linea corretta.
  • Giant, vi farà sudare, dovrete abbassare molto il busto e spingere vigorosamente sui pedali per guadagnare la cima delle rampe più ripide, il problema più grande è che superata una certa soglia di rpm, il motore da l’impressione che si “imballi” e che perda di spinta. Quindi saremo costretti ad usare il cambio, che in questa situazione non risulta agevole.

Discesa

  • La Thok è quella che si adatta meglio ad una guida aggressiva,  performante sia nel tecnico che nello scorrevole, pur non essendo perfettamente tarata per il mio stile di guida, non mi ha mai messo in difficoltà e si è sempre rivelata veloce e stabile. La sospensione posteriore risulta progressiva e pronta ad incassare ogni maltrattamento senza scomporsi. Nei passaggi più trialistici soffre leggermente il passo più lungo e lo sterzo più disteso.
  • La Centurion si è comportata molto bene, facile ed intuitiva, ben bilanciata, spinge ad osare oltre alle aspettative, il carro posteriore non ha la progressività della Thok, l’ho portato un paio di volte a fondo corsa, probabilmente, l’ammortizzatore necessitava di maggiore pressione. Nel lento tecnico si destreggia molto bene.
  • Giant, un ritorno al passato, reach corto e attacco manubrio lungo, ho dovuto adeguarmi ad una posizione di guida ormai sorpassata, con poco equilibrio sul ripido, con una leggera sensazione di ribaltamento sempre presente. Nel guidato, cambia direzione piuttosto facilmente è rapida a destreggiarsi nei passaggi obbligati, forse merito anche delle gomme Maxxis da 2.5″, non proprio plus come le altre da 2.8″. Nei tratti veloci, va caricata maggiormente sull’anteriore per ottenere un buon grip.

20170430_115447

20170501_120404

Autonomia

Non valutabile in un test breve.

Conclusioni

Ogni bici ha evidenziato caratteristiche e peculiarità proprie, che la differenziano dalle altre 2, non esiste una vincitrice assoluta, ma sicuramente troverete quella più adatta alle vostre esigenze, che eleggerete come vostra personale vincitrice del test!

<p>E bravo &quot;DUC&quot; una recensione molto professionale, mi sembra obiettiva esaustiva. Grazie.:):):cool:</p>
hai fatto una bella descrizione dei ponti di comando e dei display per l'assistenza ma ci vorrebbero le foto a corredo per capirlo meglio.
<p>Ottimo servizio <a href="http://www.emtb-mag.com/forum/members/ducams4r.44/" class="internalLink ProxyLink" data-proxy-href="http://www.emtb-mag.com/forum/members/ducams4r.44/">ducams4r</a>, appena mi arriva la mia Giant con syncdrive ti faro sapere le mie impressioni.</p>
D
<p>
hai fatto una bella descrizione dei ponti di comando e dei display per l&#039;assistenza ma ci vorrebbero le foto a corredo per capirlo meglio.
</p><p><br /></p><p>Non avevo foto adeguate di Bosch e Shimano che comunque sono già&nbsp; noti.</p><p>Ne ho una di Giant ma si vede ben poco,</p><p>La posto quiVedi l'allegato 3039</p>
Ma il Yamaha nuovo (PW-X ma Syncdrive per Giant) non doveva assistere fino a 110 di cadenza?
<p>
Ma il Yamaha nuovo (PW-X ma Syncdrive per Giant) non doveva assistere fino a 110 di cadenza?
</p><p>A quanto pare sembra proprio di no , nemmeno sul Pwx standard..leggi qua:</p><p><a href="http://www.emtb-mag.com/forum/threads/resa-sduro-nduro-pro-presa-sduro-nduro-8-0.901/page-2#post-27237" class="internalLink ProxyLink" data-proxy-href="http://www.emtb-mag.com/forum/threads/resa-sduro-nduro-pro-presa-sduro-nduro-8-0.901/page-2#post-27237">http://www.emtb-mag.com/forum/threads/resa-sduro-nduro-pro-presa-sduro-nduro-8-0.901/page-2#post-27237</a></p>
Bella recensione, bravo Duca!

Ho 2 appunti da evidenziare..

Il discorso del pwx, dici che si imballa, ma non mi é chiaro se lo fa a bassi regimi se va sotto una certa soglia ( come faceva il vecchio bosch performance) o se perde solo di spinta se frulli sui pedali..

Altro appunto, il modello sella thok mi sembra la MIG R e non la base MIG..
D
<p>
Ma il Yamaha nuovo (PW-X ma Syncdrive per Giant) non doveva assistere fino a 110 di cadenza?
</p><p><br /></p><p>Ho fatto questa prova:</p><ol>
<li>Salita media asfaltata</li>
<li>Rapporto leggero</li>
<li>Assistenza massima</li>
</ol><p>Il motore prende subito i giri e velocità, ma arrivato ad un certo punto, cambia il rumore, e non spinge più. Da l&#039;impressione che vada fuori giri, non senti il motore che stacca, ma ti accorgi che perdi velocità. Non lo so spiegare meglio...</p>
<p>Ottima recensione, bravo!!</p><p>Scrivi, a proposito del Bosch, che può mettere in difficoltà nei tratti tecnici con sgommate o impennate (cosa di cui mi sono reso conto pure io), a questo proposito, tu che l&#039;hai provata, la nuova assistenza Bosch migliora la cosa?</p><p>Altra domanda: non ritieni che il comando Bosch migliorabile? io parecchie volta premo per aumentare l&#039;assistenza e non prende il comando, poi premo e ripremo e magari mi aumenta di due livelli.</p><p>Alla fine la Centurion in generale ne esce molto bene direi, peccato che esteticamente non sia bellissima, forse con un altro colore..!!</p>
D
<p>
Il discorso del pwx, dici che si imballa, ma non mi é chiaro se lo fa a bassi regimi se va sotto una certa soglia ( come faceva il vecchio bosch performance) o se perde solo di spinta se frulli sui pedali..
</p><p><br /></p><p>Ad alti regimi, sicuramente oltre i 100rpm</p><p><br /></p><p>
il modello sella thok mi sembra la MIG R e non la base MIG..
</p><p><br /></p><p>Thok Mig, mi ha detto Migliorini quando me l&#039;ha data, prezzo 3990€.</p><p>La bici che ho usato è quella nella foto con gli &quot;ometti di pietra&quot;, le altre foto dei dettagli le ho scattate alla bici esposta allo stand.</p>
D