[First Ride] Cannondale Moterra

Cannondale è uno dei marchi che più di recente sono entrati nel mondo e-bike full, e lo fa con la Monterra. Due sono i modelli, e con 160mm (la versione LT) e 130mm rispettivamente di escursione posteriore hanno chiaramente destinazioni d’uso diverse. Agli Eurobike Media days siamo riusciti a provare entrambi i modelli ed ecco che vi presentiamo le nostre prime impressioni.

Kirchberg2016_bikes_ ByADL-6021

Specifiche

Screen Shot 2016-06-29 at 18.24.52

moto1

Peso: 22.4 kg
Prezzo: €5,999.00

Motore e batteria

Motore e batteria da 500Wh sono Bosch CX. Il montaggio di motore e batteria sono custom, ed il baricentro della bici è mantenuto molto basso.

Kirchberg2016_bikes_ ByADL-6035

Sui sentieri

Abbiamo passato la maggior parte del tempo sul modello trail da 130 mm di escursione, quello che riteniamo più accessibile alla maggioranza dei biker. I cerchi larghi e le gomme plus danno l’impressione che in effetti l’escursione sia maggiore. La versione LT invece monta ruote 27.5″ normali, vale a dire con gomme non plus, ed ha un feeling quasi da enduro pura, anche la posizione in sella  è più aggressiva.

Screen Shot 2016-06-29 at 19.05.02

La biella in carbonio.

Screen Shot 2016-06-29 at 19.04.59

Grazie alla posizione della corona, il carro è rigido e la posizione del fulcro principale è perfetta.

Screen Shot 2016-06-29 at 19.05.04

Il motore è posizionato leggermente angolato. Notate inoltre la posizione della batteria.

Screen Shot 2016-06-29 at 19.05.12

Il fissaggio della batteria è ben fatto: la tiene ben ferma in modo che non la si senta sbattacchiare e funge anche da protezione.

Il telaio è pensato concentrandosi sulla distribuzione del peso, peso che, con 22.4 kg, risulta ben confrontabile con quello di altre bici di questo segmento. Grazie al particolare disegno del telaio c’è posto non solo per la batteria ma anche per una borraccia, il carro inoltre è mantenuto bello corto.

Screen Shot 2016-06-29 at 19.05.23

Un disegno complicato ma che permette di mantenere basso il baricentro. La bici è molto maneggevole.

La corona anteriore è spostata verso l’esterno e la battuta posteriore è di 157mm: segno di come Cannondale abbia cercato di mantenere più rigida possibile la struttura.

Screen Shot 2016-06-29 at 19.05.35

Sommiamo tutti gli elementi appena citati e ci troviamo con una delle bici a pedalata assistita più divertenti che abbiamo mai provato. Certamente la parola divertimento può essere definita in mille modi diversi, ma per noi una pedalata divertente con una e-bike è quella in cui si riescono a fare 1300-1500 metri di dislivello in modalità turbo, con un biker che pesa 85kg. Noi usiamo per il 90% del tempo le modalità turbo o sport, ed in queste condizioni la batteria dura sufficientemente per salite continue di 2 ore circa. In discesa invece non ci capita molto spesso di pedalare, Se lo facciamo superiamo subito i 25km/h, e da quel punto ci si affida alla potenza muscolare o alla forza di gravità.

Kirchberg2016_GUIGUI_ ByADL-6917

In discesa ci piacciono le bici giocose, soprattutto in questa categoria. L’uso di ruote particolarmente rigide e gomme larghe su questa bici dà in questo senso parecchio spazio di manovra, concedendo anche qualche linea dritta sopra sezioni rocciose apparentemente impossibili. La tassellatura delle gomme da 2.8″ è perfetta per dare tenuta in tutte le condizioni. Per la ruota davanti pensiamo si potrebbe spingersi ancora più in là.

Kirchberg2016_ ByADL-5680

Le sospensioni sono una Fox 36 davanti ed un ammortizzatore Fox dietro. In particolare la scelta della forcella ci è piaciuta molto: è sensibile e sostenuta nella parte centrale dell’escursione. Anche in frenata e in sezioni particolarmente sassose, la forcella ci ha dato un ottimo controllo sulla bici, anzichè shakerarci le braccia già alle prese con una bici da 22kg. Anche l’ammortizzatore è piuttosto plush e, combinato con la ottima forcella e con il carro corti, dà un ottimo controllo della bici, cosa anche qui non scontata visto il peso della bici.

I freni sono XT, funzionano e sono potenti anche se avremmo preferito un modello a quattro pistoncini almeno davanti. Anche la trasmissione è XT ed ha un pacco pignoni 11-42, funziona benissimo e gestisce senza problemi la coppia in più data dal motore. Ammettiamo però che una prova così breve non è sufficiente a giudicare la trasmissione.

Kirchberg2016_GUIGUI_ ByADL-6939

Conclusioni

Il mercato delle e-bike da trail sta crescendo e quest’anno tutti i marchi principali stanno presentando modelli con grosse migliorie rispetto al passato. Da questo punto di vista Cannondale non delude: il disegno così poco convenzionale del telaio si è rivelato un’ottima idea dato che dà alla bici una grande maneggevolezza, tra le migliori nella sua categoria. Baricentro basso significa divertimento alto.

A breve Cannondale ci manderà un modello per un test più prolungato, quindi vi daremo presto notizie più dettagliate su questo settore del mercato che si dimostra sempre più interessante.

Cannondale

40 risposte a [First Ride] Cannondale Moterra

  1. Dr. Ergal 15/09/2016 at 09:36 #

    Decisamente interessante.
    Un telaio che sembra uscire dagli schemi "bici" per abbracciare le specificita' del mondo elettrico.
    Merita senz'altro attenzione

  2. Checo79 15/09/2016 at 11:06 #

    come già detto non si può vedere, ma quelli son gusti, ma la batteria li non mi piace troppo esposta

  3. Dr. Ergal 15/09/2016 at 13:04 #

    Ma e' innegabile l'originalita' dello schema telaistico.
    Continuo a preferire l'estetica della Levo o delle Haibike, ma questo telaio mi ispira…

  4. Max Power 25/09/2016 at 20:28 #

    Provata eeee…. riprovata, tanto per essere sicuro, la 160,
    che dire…….. "se la guidi t'innamori"!!! 😉 🙂 🙂

  5. 8Grunf 26/09/2016 at 11:36 #

    Sicuramente da provare..esteticamente non mi aggrada ma tal collocazione della batteria era stata già sperimentata da Nicolai, peccato abbiano abbandonato il progetto.

  6. dingo64 04/10/2016 at 19:26 #

    Ciao! Provata oggi la 130mm con gomme Plus. In salita è esagerata, il peso in basso ed "avanti" rispetto alla mia bici (Trek Powerfly FS 9 del 2015) permettono di affrontare salite tostissime con la ruota davanti che resta ben incollata al terreno. Abbiamo percorso sentirei con molte pietre e radici, ho sentito bei colpi durante il giro ma la batteria non ha avuto nessun problema. Esteticamente dal vero è meglio che in foto.Bici molto interessante a mio parere. Guidabilità da riferimento.

  7. Aerobipa 13/10/2016 at 11:33 #

    Ripubblico qua qualche foto presa alla Roc…
    A parte le perplessità estetiche…ho trovato il telaio pessimanente realizzato… saldature brutali piazzate in ogni dove… e talmente malfatte che le decorazioni sono "smosse" per ricoprirle.
    La fettuccia che "protegge" la batteria ė avvitata sotto… per togliere la batteria vanno quindi svitate e bisogna capovolgere la bici o mettersi a testa sotto

  8. gibib 13/10/2016 at 12:45 #

    Ripubblico qua qualche foto presa alla Roc…
    A parte le perplessità estetiche…ho trovato il telaio pessimanente realizzato… saldature brutali piazzate in ogni dove… e talmente malfatte che le decorazioni sono "smosse" per ricoprirle.
    La fettuccia che "protegge" la batteria ė avvitata sotto… per togliere la batteria vanno quindi svitate e bisogna capovolgere la bici o mettersi a testa sotto

    Il parabatteria non è avvitato e non devi avere chiavi per smontarlo, quello che vedi sono le viti che bloccano il sistema di sgancio rapido, tipo baionetta, sul parabatteria in materiale elastico… non devi assolutamente girare la bici o infilarti con la testa sotto… basta, usando l'anello visibile sulla tua foto, tirare e il gioco è fatto

  9. Aerobipa 13/10/2016 at 12:45 #

    Lieto di essermi sbagliato…. restano le saldature da apprendista fabbro sparse in ogni dove… irrobustiranno sicuramente la struttura ma sembrano delle putrelle da cantiere… e io sono un fan di Cannondale

  10. ducams4r 13/10/2016 at 14:39 #


    Non ho avuto modo di provarla, ma confermo il parere di molti, dal vivo è davvero brutta! Sgraziata e pesante alla vista, il raccordo tra motore e batteria è davvero osceno.
    Speriamo sia una "brutta che piace"!
    Ho notato anche io le saldature che percorrono lateralmente il tubo obliquo, dove è ancorata la batteria, molto evidenti e poco raffinate. Potevano utilizzare soluzioni migliori.

  11. Max Power 14/10/2016 at 12:08 #

    Non è bella……ma balla!!!
    Provala, e poi vediamo se è così oscena! 😉

  12. ducams4r 14/10/2016 at 17:02 #

    Non è bella……ma balla!!!
    Provala, e poi vediamo se è così oscena! 😉

    Come ho precisato, non ho avuto modo di provarla, la mia è solo una valutazione estetica; ho definito osceno il raccordo tra motore e batteria, non la bici intera.

    Quindi concludo, che potrebbe anche essere la bici più performante in assoluto, ma, per me, rimarrebbe anche una delle più brutte.

  13. tostarello 14/10/2016 at 18:49 #

    eh, ma anche l'occhio vuole la sua parte

  14. Max Power 15/10/2016 at 18:05 #

    Mi dispiace di non riuscire a caricare le foto, se qualcuno mi da una mano…. magari ci riesco, ma, messe una di fronte all'altra, tra Trek Superfly 8 e Moterra Lt  preferisco la Moterra, poi……
    Assieme ad un "compare" le abbiamo provate, scambiandocele, nello stesso giro ed entrambi abbiamo preferito la Moterra, specialmente in discesa scassata e mossa, dove la trek l'abbiamo sentita più incerta.
    Devo dire però che i formati ruota erano diversi, Plus la Trek e normale la Moterra Lt in questione, che la Moterra era gommata al top, Magic Mary e Nobby Nic post, mentre le Bontrager+ della trek non mi hanno convinto, e che la Fox 36/16o è veramente performante, molto più della Yari montata sulla Trek.
    Motore uguale, Bosch cx, forse più fluido sulla Trek (a detta del personale dello stand hanno una mappatura personalizzata) batteria anche, ma, per la piccola differenza di prezzo (5600 vs 6000€), la moterra è montata decisamente meglio.

  15. Claudio B. 15/10/2016 at 21:03 #

    [ATTACH]434 [ATTACH]435 [ATTACH]436 [ATTACH]437 [ATTACH]438 [ATTACH]439 [ATTACH]440 [ATTACH]441 Vista oggi al Bike Shop Test di Bologna, non ho avuto modo di provarla troppa fila, non è bella ma da l'idea di essere molto funzionale, certo che il telaio da più l'idea di un prototipo da test che di un prodotto degno di portare il marchio Cannondale.
    C'era anche un telaio "tagliato" che faceva vedere l'assemblaggio, lascio a voi i commenti.

  16. e-runza70 17/10/2016 at 12:34 #

    Serratura e sgancio batteria li sotto con il fango andranno a braccetto…, tutti quei fori lato sinistro pure…., Moterra si, ma che sia asciutta, no Mofango…, saldature un tanto al metro…., Cannondale cosa combini?? Deve andare dinamicamente molto oltre le altre per poter fare digerire tutta questa sgraziatezza visiva, una diversamente ebike a tutti i costi?

  17. Checo79 17/10/2016 at 12:34 #

    Mi dispiace di non riuscire a caricare le foto, se qualcuno mi da una mano…. magari ci riesco,

    quando fai un post basta che schiacci su carica documenti  come si vede qui sotto, poi selezioni le foto da caricare, è banale la cosa

  18. Fulltux 17/10/2016 at 12:34 #

    tutta colpa di bosch a mio avviso….. se ti obbligano ad usare i loro formati di batterie è ovio che puoi solo girarci in torno col telaio , secondo mè è un enorme limite imposto ai telaisti. Sorvolo sulle dimensioni attuali dei motori ….. c'è ancora parecchia strada da fare a mio avviso.

  19. 8Grunf 17/10/2016 at 12:34 #

    tutta colpa di bosch a mio avviso….. se ti obbligano ad usare i loro formati di batterie è ovio che puoi solo girarci in torno col telaio , secondo mè è un enorme limite imposto ai telaisti. Sorvolo sulle dimensioni attuali dei motori ….. c'è ancora parecchia strada da fare a mio avviso.

    Beh, mica glielo ha prescritto il medico ai costruttori di adottare il sistema Bosch; se hanno optato per questa scelta evidentemente conta la qualità, la attualità del prodotto e la certezza che non faticheranno a vendere e poi le pippe sull'estetica se le fanno solo gli italiani. 🙂

  20. albertoalp 17/10/2016 at 12:34 #

    Penso che alcune Case abbiano scelto Bosch per la validità che continua ad avere il prodotto (erogazione, potenza, affidabiliatà e non ultimo la intercambiabilità delle batteria divenute uno standard valido ancora per qualche anno e quindi senza ricaduta del valore)… e altre Case, volendo nascondere a tutti i costi la batteria sono state costrette a orientarsi su altri motori, a discapito delle qualità prima descritte del Bosch.

  21. Auanagana 17/10/2016 at 12:34 #

    Penso che alcune Case abbiano scelto Bosch per la validità che continua ad avere il prodotto (erogazione, potenza, affidabiliatà e non ultimo la intercambiabilità delle batteria divenute uno standard valido ancora per qualche anno e quindi senza ricaduta del valore)… e altre Case, volendo nascondere a tutti i costi la batteria sono state costrette a orientarsi su altri motori, a discapito delle qualità prima descritte del Bosch.

     Da soddisfatto possessore di Bosch sottoscrivo tale affermazione..in questo momento , avendo amici sia con Bosch che con altri sistemi ( Yamaha e Brose) , devo dire che al di là dei gradimenti personali di erogazione , il sistema Bosch abbia in questo momento degli innegabili vantaggi…primo su tutti l'ASSISTENZA in garanzia, la disponibilità di ricambi e pezzi aggiuntivi, basta recarsi ad un centro Bosch anche se non dove si è comprata la bici per avere assistenza rapida ed efficace ( sostituzione del motore ad un amico in 7 gg lavorativi) …per Yamaha ad esempio dipende dalla casa costruttrice del bici, e non tutte sono efficienti …un altro amico con Yamaha ha dovuto attendere oltre un mese la sostituzione di un comando e un display malfunzionante…
    Insomma il sistema Bosch va bene e credo che le case che lo adottano ne vedano un plus dal punto di vista commerciale oltre che tecnico …

  22. mito68 17/10/2016 at 12:47 #

    l'ho provata ieri al test bike di Bologna. a parte che dal vivo per me è molto più bella che in foto. devo dire che in foto non mi convinceva proprio ma da vivo è un'altra cosa, fuori dagli schemi della solita bike elettrica con la batteria al posto del portaborraccia.. fuori anche dagli schemi seppur nuovi dell'ingrossamento del tubo obliquo per ospitare la batteria. Se poi la si prova, ci si può innamorare della Moterra. va meravigliosamente.. in salita stabile e senza mai scomporre la ruota davanti, ed in discesa sembra su un binario. il baricentro basso e centrale non sembra ma si sente parecchio. in andatura normale il motore è regolare e non strappa. ho provato anche una scotto e-genius. bella bici, ma la moterra è superiore..

  23. Fulltux 17/10/2016 at 12:47 #

    Beh, mica glielo ha prescritto il medico ai costruttori di adottare il sistema Bosch; se hanno optato per questa scelta evidentemente conta la qualità, la attualità del prodotto e la certezza che non faticheranno a vendere e poi le pippe sull'estetica se le fanno solo gli italiani. 🙂

    Non ne facevo un discorso di qualità, che non si discute, ma proprio di forma. Il motore bosch è quello che crea più limiti per il posizionamento del fulcro forcellone e le batterie che ho visto fin ora sono in quel formato (bosch) salvo rare eccezioni.
    Poi è verissimo che chi si fà pippe sulle geometrie e la distribuzione dei pesi sia una minoranza e ancora meno quelli che sono in grado di apprezzarne le differenze ma resta il fatto che attualmente siamo lontani, come quote, dai telai normali, può piacere o meno.

  24. GIUIO10 17/10/2016 at 12:54 #

    Beh, mica glielo ha prescritto il medico ai costruttori di adottare il sistema Bosch; se hanno optato per questa scelta evidentemente conta la qualità, la attualità del prodotto e la certezza che non faticheranno a vendere e poi le pippe sull'estetica se le fanno solo gli italiani. 🙂

    Esempi di integrazione-batteria col Bosch ce l'ha mostrato Moustache, come si fanno.
    Io non sto a discutere se la Moterra è bella o meno, è una cosa importante, vero (specie per gli italiani… ma lo stesso dicasi per il Brand), ma soggettiva (anche se l'estetica non lo è…) ma per il tipo di costruzione, dissennata.
    Ripeto quanto ho già detto, famola strana non significa per forza farla irrazionale: avete notato di quante parti è composto il telaio? e quante saldature ci sono, con cordoni sull'obliquo che partono dallo sterzo e arrivano fino al motore?[ATTACH]482

    E non mi si venga a dire che è per "una perfetta distribuzione dei pesi" o per poter "mettere il portaborraccia"…

  25. Max Power 17/10/2016 at 15:04 #

    Esempi di integrazione-batteria col Bosch ce l'ha mostrato Moustache, come si fanno.
    Io non sto a discutere se la Moterra è bella o meno, è una cosa importante, vero (specie per gli italiani… ma lo stesso dicasi per il Brand), ma soggettiva (anche se l'estetica non lo è…) ma per il tipo di costruzione, dissennata.
    Ripeto quanto ho già detto, famola strana non significa per forza farla irrazionale: avete notato di quante parti è composto il telaio? e quante saldature ci sono, con cordoni sull'obliquo che partono dallo sterzo e arrivano fino al motore?[ATTACH]482

    E non mi si venga a dire che è per "una perfetta distribuzione dei pesi" o per poter "mettere il portaborraccia"…

    Forse no, ma, dopo averla provata, mi son chiesto se quell'abbondanza di saldature non avesse un senso, vista la solidità dell'anteriore, e, dopo aver visto la foto del telaio sezionato, penso che quello scatolato, ottenuto con il doppio tubo saldato, dia un grosso contributo alla rigidità dell'insieme.

  26. Max Power 17/10/2016 at 15:04 #

    Esteticamente c'è di meglio, ma, tra queste due, preferisco la giallona….magari per il colore! 😉

  27. mito68 17/10/2016 at 15:07 #

    a me tutto 'sto fastidio queste saldature non me l'hanno dato.. sarà perchè mentre andavo non guardavo in basso le saldature ma la strada, e mi divertivo.. ma un casino…

  28. GIUIO10 18/10/2016 at 12:28 #

    L'antenata della MOvimentoTERRA:[ATTACH]497
    …l'integrata col Bosch: [ATTACH]498
    … e la Giulietta:[ATTACH]499  Che c'azzecca?, bho… mi pareva bene…

  29. ducams4r 18/10/2016 at 12:28 #

    Quel "mostro" di Nicolai, ha tutto un altro fascino rispetto alla Moterra…{92}

  30. Nicotrev 18/10/2016 at 17:32 #

    Quel "mostro" di Nicolai, ha tutto un altro fascino rispetto alla Moterra…{92}

    Quella si, che quando è uscita (era il 2012) era avanti (anche troppo) rispetto al resto…………;)

  31. Fulltux 18/10/2016 at 17:32 #

    Perchè la Nicolai mi fa letteralmente godere mentre la moterra no ???? spettacolo !!!!

  32. 8Grunf 18/10/2016 at 20:46 #

    Quella si, che quando è uscita (era il 2012) era avanti (anche troppo) rispetto al resto…………;)

    4.500,00 euro solo telaio, motore e batt. da 400wh (!) ma confesso che stavo per farla la pazzia.. 🙂

  33. GIUIO10 18/10/2016 at 20:46 #

    4.500,00 euro solo telaio, motore e batt. da 400wh (!) ma confesso che stavo per farla la pazzia.. 🙂

    Buongustaio…

    E allora prendi la Moterra, no??! {51}

  34. 8Grunf 18/10/2016 at 20:46 #

    Buongustaio…

    E allora prendi la Moterra, no??! {51}

    Non sum dignus… 😉

  35. Nicotrev 18/10/2016 at 20:46 #

    Non sum dignus… 😉

    Guarda che in fatto di saldature non scherzava mica anche Nicolai…….:)

  36. 8Grunf 19/10/2016 at 08:40 #

    Guarda che in fatto di saldature non scherzava mica anche Nicolai…….:)

    Azz… Nico hai ragione! rapito dal motore non me ne ero accorto. 😀 😀

    comunque si sono integrate bene,,, 😉

  37. Fulltux 19/10/2016 at 08:40 #

    Non so ma sulla nicolai si vedono piastre fresate e sadate insieme e sono anche ottime di fattura… il tutto è molto racing e hard….
    Poi vedo la moterra e nella foto sezionata mi viene in mente un infisso in alluminio….  non discuto le qualità della bici ma l'impessione visiva che fanno le 2 sono molto diverse.

  38. massiluca 30/11/2016 at 06:30 #

    [ATTACH]1009

  39. Guma57 30/11/2016 at 11:09 #

    [ATTACH]1009

    Complimenti per l'acquisto.
    A me piace, certo non fa niente per non farsi notare. Mi fa un po' "tenerezza" la forcella che, in confronto al resto, sembra sottodimensionata.

  40. albertoalp 30/11/2016 at 11:36 #

    Bike molto aggressiva!

Lascia un commento


Vai alla barra degli strumenti