Mio test Bulls estream evo am3

Maurizio Deflorian

Ebiker ex novello
15 Settembre 2016
31
72
18
Merano
SAMSUNG CSC

Specifiche tecniche:

Motore Brose S mag, batteria integrata 650 w, 4 livelli di assistenza, 40, 80, 160 su 320, personalizzabili, tempo di ricarica circa 4.30 ore.

Telaio alluminio, bi ammortizzata, forcella Rock Shox Yari RC Solo Air 150mm, ammortizzatore Rock Shox Deluxe RT 150 mm.

Trasmissione Shimano Deore, corona 38, cassetta 10 vel 11-42

Freni Magura Mt5, Mt4

Reggisella Kind Shock LEV Integra

Cerchioni BULLS AS-T35, 27.5, gomme Schwalbe Nobby nic 2.8

Analisi statica

La Bulls presenta una linea piuttosto accattivante, la batteria è completamente integrata nel telaio, tanto che la bicicletta, ad un primo sguardo, assomiglia più ad una mountain bike tradizionale che ad una e-mtb. Solo la scatola del motore, peraltro ben posizionata in diagonale, rivela la vera attitudine di questa bicicletta. Sia la forcella che l’ammortizzatore sono regolabili e bloccabili, cosa che si apprezza specialmente nei tratti asfaltati, per evitare l’effetto dondolamento e spreco di potenza impressa sui pedali. Bello e funzionale il reggisella telescopico integrato. Lo schermo per controllare le varie funzioni della batteria e della mountain bike è piuttosto piccolo, situato a sinistra sul manubrio, ma perfettamente leggibile. Prima della prova, effettuo l’unica modifica, levando le camere d’aria e aggiungendo il lattice, le gomme tubless sono sicuramente più funzionali.

terlanoenduro25

Prova sul campo

1) Pianura

Anzitutto sfatiamo un luogo comune: quelle non sono bici, non serve neanche pedalare, vanno su da sole! Se uno lo dice vuole dire semplicemente che non ne ha mai provata una! Pedalare serve, eccome, se no la ebike non si muove! Il bello è che si può scegliere l’intensità della pedalata selezionando uno dei 4 livelli presenti sullo schermo a manubrio. Pedalando in eco, lo sforzo è molto simile a quello di una bici senza motore, calcolando che da una parte la bici pesa intorno ai 24 kg e dall’altra il motore da un aiuto minimo, ma sufficiente a tenere i battiti cardiaci più bassi rispetto ad una bici tradizionale. Insomma, la sensazione è quella di avere scoperto l’eterna giovinezza, sembra infatti di avere la stessa potenza e agilità che si aveva dieci anni (e forse più) prima!

Appena monto in sella e comincio a pedalare la prima sensazione è di comodità, la bici è ben equilibrata e le gomme da 2.8 ammortizzano le piccole asperità, anche tenendo forcella e ammortizzatore chiusi. L’altra sensazione, netta, anche tenendo l’assistenza su eco, il primo livello, è l’accelerazione. La mountain bike infatti, arriva con facilità e in brevissimo tempo ai 25 km/h, velocità alla quale il motore “stacca” e , se si vuole andare più veloci, bisogna continuare a pedalare senza l’aiuto del motore. Cosa peraltro piuttosto semplice in pianura, infatti il motore non offre nessuna resistenza alla pedalata e, con un discreto allenamento, si riesce a tenere una velocità sui 30 km/h senza troppa difficoltà. Se invece si tiene l’assistenza su un livello alto, l’accelerazione è incredibile, si raggiungono i 25 km/h in circa due secondi. La terza sensazione, anche questa molto piacevole, è la silenziosità del motore, infatti il classico sibilo presente in quasi tutti i motori per ebike qui quasi non si sente.


2) Salita

Sfatiamo un secondo pregiudizio: con le ebike non si fatica!

Io dopo la prima uscita (ma non solo) sono arrivato a casa stanco come al solito, anzi mia moglie Laura mi ha detto: ma cosa hai stasera che non smetti più di mangiare e farti caffè?
D’accordo, in meno di 4 ore ci ho fatto quasi 2000 metri di dislivello e 40 km, ho pedalato sulla neve e con temperature intorno allo zero, sono andato a cercarmi salite estreme che mai immaginavo si potessero fare e ho cercato di tenere il livello di assistenza al minimo (non sempre a dire il vero!), però mi sono stancato eccome!

Ma come mai ci si stanca pur avendo il motore? Perché con la ebike si comincia a pensare diversamente, i giri si modificano abbastanza rispetto a quelli che si fanno con una mtb normale. Spesso i giri si allungano, si fa più dislivello ma specialmente il bello è riuscire a fare dei sentieri che normalmente si fanno solo in discesa (non quelli dedicati alle mtb naturalmente, per evitare spiacevoli incidenti). Naturalmente per fare giri più lunghi e maggior dislivello non si può consumare troppa batteria, perciò tenendo l’assistenza al minimo lo sforzo alla lunga si fa sentire.

Su salita asfaltata e sterrata la Bulls è molto comoda, e pedalando agilmente sale facilmente anche con il minimo di assistenza. Su salita tecnica, aprendo le sospensioni e sgonfiando un po’ le gomme, si passano ostacoli anche non facili, sia per l’ottimo grip, sia per l’aiuto del motore che sostituisce ottimamente il classico colpo di reni che serve normalmente per superare certi ostacoli, e lo sforzo è naturalmente molto minore.

Quando la salita si fa estrema da sembrare quasi insuperabile, basta aumentare l’assistenza e la Bulls sale con una facilità incredibile. Già al terzo livello la potenza è cosi tanta che bisogna cambiare stile di guida, portando il più possibile il peso in avanti e schiacciandosi sul manubrio con i gomiti piegati, in modo da non fare impennare la bici.

Unico neo riscontrato in salita è rappresentato dalla corona anteriore montata di serie troppo grande, che rende la frequenza di pedalata troppo bassa (su salite molto ripide) e rende difficoltosa la partenza in salita, nonostante l’ottimo motore parta solo con una piccola spinta sui pedali. Per questo ho sostituito la corona da 38 con una da 34 e la situazione è subito migliorata, sia per la partenza in salita che per la agilità di pedalata.

Altro punto di forza delle ebike è quello di limitare al massimo il portage, ovvero il dover portare la bici in spalla sui sentieri molto ripidi. Salendo per esempio su prati molto ripidi, si riesce a pedalare a zig zag senza doversi mettere la bici in spalla o spingerla. Dove invece il sentiero è ripido e scalinato, non resta altro che mettersi la bici in spalla, si riesce ma non per lunghi tratti, visto il notevole peso della ebike.

Parliamo adesso della cosa che forse interessa di più in una emtb: la durata della batteria. Naturalmente le variabili in gioco sono tantissime, perciò non è possibile dare una misura che sia uguale per tutti. Peso del biker, tipo di fondo, pendenza della salita, potenza del biker, temperatura, sono tutti fattori che possono cambiare, e non di poco, la durata della batteria.

Io vi dico la mia esperienza: peso 70 kg, porto uno zaino di circa 5kg e ho un discreto allenamento, sempre comunque riferito alla mia età, 60 anni. Facendo solo salita e discesa, con pochissimi tratti in piano, salendo su asfalto e in parte su sentieri, tenendo l’assistenza per la maggior parte in eco, sono riuscito a fare 50 km e 3000 metri di dislivello. Su un percorso con lunghi tratti di pianura e salite più dolci e regolari, tutto su asfalto, sempre in eco, sono riuscito a fare 120 km e 2000 metri di dislivello.

SAMSUNG CSC

3) Discesa

Allora apro le sospensioni da 150 mm, sgonfio leggermente le gomme e parto sul sentiero tecnico ma veloce. La Bulls funziona alla meraviglia, facendo scendere in sicurezza e in maniera molto comoda e “morbida”, aiutata anche dalle gomme plus 2.8. Il peso totale dà pochissimo fastidio alla maneggevolezza, anzi la bici è molto stabile e anche i nose press si riescono a fare, bisogna tenere in conto il peso maggiore da spostare, ma si fanno.

Ottimo anche il comportamento sul tecnico lento, i 150 mm, aiutati dai cerchi da 27.5 e dalle gomme plus con la giusta pressione fanno il loro lavoro e permettono di scendere gradoni piuttosto alti in sicurezza.


4) Giudizio finale

Il giudizio finale è sicuramente molto positivo, la posizione sulla bicicletta è molto comoda in tutte le situazioni, in salita bisogna abituarsi al diverso tipo di guida su sentieri molto ripidi, poi si sale veramente dappertutto. In discesa, nonostante il peso, è maneggevole e gira bene anche sullo stretto, le sospensioni lavorano molto bene, rendendo la guida morbida. Il motore Brose è molto silenzioso ed efficace, con la coppia a 90 Nm molto redditizia. La batteria da 650 wh garantisce un’autonomia veramente lunga, specialmente se usata in eco.

Anche la guida su neve è buona, con il motore che sopperisce alla minor larghezza delle gomme rispetto ad una fat bike. Con temperature molto basse, non ho notato consumi maggiori della batteria rispetto alle temperature normali di utilizzo.

Insomma una bici molto comoda e molto divertente, con un motore che permette di andare quasi dappertutto sia in salita che in discesa e una batteria che dà un’autonomia quasi infinita!

Grazie a SPORTLER per questa magnifica bulls estream evo am3

terlanoenduro28
 
Ultima modifica:

em_1958

Ebiker grandissimus
15 Settembre 2016
1.397
1.064
113
Veneto
Bici
Haibike SDuro AllMtn 8.0
Solo un appunto: sto valutando quel 40% in prima assistenza il quale sembrerebbe troppo generoso… cosa ne pensi ?
 
  • Mi piace
Reactions: Daiwer

EmilG

Ebiker normalus
15 Settembre 2016
83
96
18
60
Bolzano
Solo un appunto: sto valutando quel 40% in prima assistenza il quale sembrerebbe troppo generoso… cosa ne pensi ?
Secondo me ogni costruttore ha dei parametri differenti. Il Brose di mia moglie ha il 50% e spinge un pelo meno, il mio Yamaha ha il 50% e spinge circa la metà del Brose sulla Bulls. Penso di poterlo affermare visto che la Bulls di Maurizio l'ho provata una giornata.
A parte il discorso assistenza che é soggettivo e dipende anche dai rapporti usati e ovviamente dalla " gamba ", per il resto posso confermare le impressioni di Maurizio, ottimo mezzo sia in salita che in discesa.

Emil
 
  • Mi piace
Reactions: Maurizio Deflorian

vigggi

Ebiker grandissimus
8 Maggio 2017
1.090
888
113
45
rovereto
Bici
Wilier triestina 803 trb
Secondo me è il 40% dei 90 nm dichiarati, rispetto al mio eco del PWX (100% della mia forza sul pedale), quel 40% spinge da paura.
Non penso... la più alta quindi dovrebbe essere il 320% di 90...300 nm....
 
Ultima modifica:

monster74

Ebiker potentibus
27 Dicembre 2016
994
431
63
44
Ancona
Bici
Fantic XF1 Integra 180
Da quante ne so il Brose ha assistenza massima 360
Ogni produttore usa una base diversa, o decimale o in sesti (6x6=36)
specialized usa base dieci quindi devi moltiplicare per 3,6 il dato che vuoi impostare
Fantic usa base 1 come brose originale di fabbrica
Bmz (Bmz service tool) usa 60 ovvero puoi mettere da 0 a 60 il livello di assistenza (quindi devi moltiplicare il numero che metti per 6 se vuoi avere la percentuale di assistenza reale)
Qualcosa mi fa pensare che Bulls usi base 2, quindi devi moltiplicare il dato per 2 per avere la percentuale di assistenza reale?
@Maurizio Deflorian, visto che dici che è personalizzabile, quant'è il minimo che puoi mettere? 0? e il massimo? 180? gli step di crescita di tale dato è di 2 in 2?
 

em_1958

Ebiker grandissimus
15 Settembre 2016
1.397
1.064
113
Veneto
Bici
Haibike SDuro AllMtn 8.0
Da quante ne so il Brose ha assistenza massima 360
Ogni produttore usa una base diversa, o decimale o in sesti (6x6=36)
specialized usa base dieci quindi devi moltiplicare per 3,6 il dato che vuoi impostare
Fantic usa base 1 come brose originale di fabbrica
Bmz (Bmz service tool) usa 60 ovvero puoi mettere da 0 a 60 il livello di assistenza (quindi devi moltiplicare il numero che metti per 6 se vuoi avere la percentuale di assistenza reale)
Qualcosa mi fa pensare che Bulls usi base 2, quindi devi moltiplicare il dato per 2 per avere la percentuale di assistenza reale?
@Maurizio Deflorian, visto che dici che è personalizzabile, quant'è il minimo che puoi mettere? 0? e il massimo? 180? gli step di crescita di tale dato è di 2 in 2?
Bulls: da 0 a 100

Sent from my BV6000 using EMTB MAG mobile app
 

em_1958

Ebiker grandissimus
15 Settembre 2016
1.397
1.064
113
Veneto
Bici
Haibike SDuro AllMtn 8.0
Allora c'è un errore (anzi due) sul report
Proprio all'inizio scrive
40 80 160 su 320
1)Manca la quarta assistenza
2) se è da 0 a 100 come fa a mettete 160?
Il report riguardo le assistenze non è chiaro, quello che posso dirti è che il software in dotazione al negozio per il setup delle assistenze ti fa vedere una barra che può scorrere da 0 a 100 per ogni assistenza (sono 4), la prima assistenza settata a 40 secondo me spinge troppo. Il prossimo settaggio pensavo a 30, 50, 80, 100.
 

monster74

Ebiker potentibus
27 Dicembre 2016
994
431
63
44
Ancona
Bici
Fantic XF1 Integra 180
Il report riguardo le assistenze non è chiaro, quello che posso dirti è che il software in dotazione al negozio per il setup delle assistenze ti fa vedere una barra che può scorrere da 0 a 100 per ogni assistenza (sono 4), la prima assistenza settata a 40 secondo me spinge troppo. Il prossimo settaggio pensavo a 30, 50, 80, 100.
La mia non è una critica a nessuno ne tanto meno a Nonnocarb che stimo e seguo con attenzione. È solo per capire visto che ho una fantic motorizzata brose e anche io in questi giorni stò settando le assistenze. Solo che io ne ho tre. Attualmente (in una scala da 0 a 100) ho messo 15 - 27 - 41. Sopra il 50 (ovvero sopra la metà dell'assistenza massima) secondo me è inutile. Se ne avessi 4 farei 13 - 22 - 30 - 41. Sempre secondo me i piccoli numeri fanno la differenza, ma quanto poi vai in assistenze alte e il motore spara, stai a 50, 60 o 100 non c'è differenza e serve solo ad avere un effetto motorino inutile. Ripeto, secondo me è secondo il mio stile di guida. Alle mtb serve coppia in basso, come sulle moto da enduro o cross, non serve la potenza che spara come sulle moto da corsa
Se hai la possibilità di tagliare la corrente, ti consiglio di abbassarla sotto il 50%. Io l'ho messa a 21
 

sideman

Ebiker grandissimus
17 Settembre 2018
1.146
404
83
50
Firenze
Bici
Cannondale Trigger
Da quante ne so il Brose ha assistenza massima 360
Ogni produttore usa una base diversa, o decimale o in sesti (6x6=36)
specialized usa base dieci quindi devi moltiplicare per 3,6 il dato che vuoi impostare
Fantic usa base 1 come brose originale di fabbrica
Bmz (Bmz service tool) usa 60 ovvero puoi mettere da 0 a 60 il livello di assistenza (quindi devi moltiplicare il numero che metti per 6 se vuoi avere la percentuale di assistenza reale)
Qualcosa mi fa pensare che Bulls usi base 2, quindi devi moltiplicare il dato per 2 per avere la percentuale di assistenza reale?
@Maurizio Deflorian, visto che dici che è personalizzabile, quant'è il minimo che puoi mettere? 0? e il massimo? 180? gli step di crescita di tale dato è di 2 in 2?
interessante questa cosa (ed anche molto stupido che non vi siano dei parametri unificati) difatti mi sono sempre chiesto come comparare le varie assistenze dei vari motori
Yamaha Syncrodrive parte da 50 fino a 360 (in verità la eco di fabbrica sarebbe settata su 100, ma poi con la app si può scendere fino ad un minimo di 50)