Una cattiveria imbarazzante

  • Ciao a tutti, sia Tapatalk che l'app di MTB Mag andranno fuori servizio il 31 luglio 2019. Con il nuovo software del forum non c'è più bisogno di una app per navigare da mobile. Tutti gli utenti Android possono già ricevere le notifiche direttamente dal forum, basta attivarle nel profilo se non l'avete ancora fatto. Grazie per la comprensione

DEKILLA64

Ebiker grandiosus
17 Settembre 2016
2.494
1.488
113
54
TOLENTINO
Bici
Haibike Xduro Dwnhll pro 2016
credo che sia una discussione inutile. fermarsi in bici E' NOCIVO. meglio proseguire diritto.. STOP? DIRITTO. SEMAFORO ROSSO? (frega un cazzo) SEMPRE DIRITTO. ROTONDE O DARE PRECEDENZA? frega niente. FINISCO SOTTO UN AUTO? assassini e delinquenti. ABBASSO LE REGOLE ( stronzi )
Si capisce che è ironico (...spero....), ma una faccina non guastava eh...;)
 

Luwolfu

Ebiker pedalantibus
11 Novembre 2018
121
19
18
36
Gallarate
Bici
Husqvarna MC7
negli stati uniti hanno strade differenti dalle nostre, oltre che essere enormemente di meno i cliclisti stessi che girano su strada in mezzo al traffico.

anche io, quando sono in moto, sto al centro della corsia...ma non vado a 30km/h con un traffico che scorre a 90....la differenza di velocità tra me e il traffico è nulla, anzi spesso sono io ad andare più veloce.

comunque, ho letto anche l'articolo di Cassani...è il classico articolo scritto giusto per fare polemica, inventandosi quel genere di incidenti che, si, possono capitare ma nemmeno se mi fanno vedere un video ci credo che, nella stessa mattina, ha evitato per miracolo un frontale con un camion, un incidente con una macchina che lo sorpassava e una che usciva da una precedenza.
Se la statistica fosse veramente quella, nessun ciclista sopravviverebbe più di tre o quattro uscite.

Le risposte saranno state anche "violente", ma l'articolo già di suo è decisamente provocatorio e assolutamente a senso unico.
Non importa il numero di corsie, è il concetto della pericolosità della manovra. Se poi vogliamo dirla tutta se in BDC la velocità è 40/45kmh siamo sotto poco sotto al limite classico delle strade (per lo meno le statali strette a cui alludi tu che non ci sono negli USA)quindi in teoria il ciclista fa anche un favore all'automobilista aiutandolo a non superare il limite(le regole vanno rispettate da tutti, no?).

Diciamolo, la maggior parte degli automobilisti odiano i ciclisti solo ed esclusivamente perché vengono bloccati o sono rallentati, la questione ambientale dei ciclisti zozzoni che sporcano non fotte niente a nessuno(comunque chi è sensibile a certi temi si conta sulle punta delle dita, io sono uno di questi e non me ne sono mai accorto ad esempio) e la questione delle regole in generale dei semafori ad esempio è solo invidia perché vorrebbero poterlo fare anche loro ma non possono perchè pigri e usano la macchina anche per fare 300 metri.
 

hawkeye

Ebiker velocibus
26 Gennaio 2018
312
185
43
55
varese
Bici
KTM kopoho macina 2972
la maggior parte degli automobilisti odia i ciclisti perchè molti di loro sono incivili, irrispettosi delle regole stradali e del prossimo...arroganti e cafoni...

pur apprezzando la disciplina delle bdc non la praticherei mai......primo perchè non mi va di essere stirato per strada.....secondo non mi va di fare sport in mezzo allo smog e al traffico........dulcis in fundo non mi va di essere considerato uno spacca palle...........

diciamolo.......saranno in molti...una parte....forse troppi ....alcuni.... come volete voi........ ma non si può girare per strade affollate di traffico, su provinciali, in orari di punta di lavoro, in giro in bici pensando di fare il tour de france e occupare spazi non correttamente........
vabbè in settimana è più facile trovare atleti che si allenano....non sono i più corretti...semplicemente son pochi.......ma nei week end.............
alzi la mano chi non avrebbe voluto fare uno strike almeno una volta nella vita.......... :joy:

a tutti gli amici con la bici da strada......vi ammiro per la capacità e fisicità dei vs lunghi giri...... ma ricordatevi.... siete in convivenza su strade aperte al traffico con altri utenti...rispettate e sarete rispettati.......non tutti capiscono/sanno che una 'palmerina' da vari mille euri...si rovina con le buche..ok.. ma almeno schivatele con rispetto degli altri...chiaccherate al bar.......non fate gruppo e rispettate le regole stradali e di civiltà.......

poi......dico io.....ma sceglietevi un percorso meno trafficato, magari con bel panorama.........meno male che io vado per boschi........non ho sti problemi..
;)
 

angor

Ebiker pedalantibus
23 Novembre 2017
152
79
28
brescia
Bici
haibike sduro hardnine 4.0
Non importa il numero di corsie, è il concetto della pericolosità della manovra. Se poi vogliamo dirla tutta se in BDC la velocità è 40/45kmh siamo sotto poco sotto al limite classico delle strade (per lo meno le statali strette a cui alludi tu che non ci sono negli USA)quindi in teoria il ciclista fa anche un favore all'automobilista aiutandolo a non superare il limite(le regole vanno rispettate da tutti, no?).
è un discorso che, forse, può valere in qualche strana circostanza (es. strada piana, dritta, dove qualche sindaco imb....le ha messo il classico limite dei 50km/h per convenienza politica o demagogia, limite che spesso è pure illegale, dal momento che in assenza di reali pericoli è fatto divieto ai gestori locali di imporre limiti inferiori a quelli prvisti per le strade generali).
In tutti gli altri casi, il ciclista è molto molto più lento del flusso delle auto.

Diciamolo, la maggior parte degli automobilisti odiano i ciclisti solo ed esclusivamente perché vengono bloccati o sono rallentati, la questione ambientale dei ciclisti zozzoni che sporcano non fotte niente a nessuno(comunque chi è sensibile a certi temi si conta sulle punta delle dita, io sono uno di questi e non me ne sono mai accorto ad esempio) e la questione delle regole in generale dei semafori ad esempio è solo invidia perché vorrebbero poterlo fare anche loro ma non possono perchè pigri e usano la macchina anche per fare 300 metri.
intanto, non è vero che la maggior parte degli automobilisti odi i ciclisti, perchè se così fosse, come ho già scritto più sopra, sarebbero ben pochi i ciclisti in grado di tornare a casa sulla propria bici.
La verità è che gli automobilisti odiano certi atteggiamenti dei ciclisti, in particolare tutti quelli che mettono in atto nel momento in cui ritengono di gestire le regole della circolazione come gli pare in virtù di una, tutta loro, idea di essere i migliori utenti della strada.
Difficilmente mi è capitato di vedere automobilisti compiere manovre strane o aggressive nei confronti di una fila ordinata di ciclisti, e nel caso si trattava di automobilisti aggressivi proprio per natura.
Al contrario, ho assistito molte volte a situazioni in cui io stesso sono stato parecchio infastidito dall'atteggiamento arrogante del gruppo di ciclisti.
 

Ranieri63

Ebiker velocibus
30 Gennaio 2019
387
112
43
55
Varese
Bici
Giant Trance E+ 2 Pro
Buongiono
Ma avete mai visto i ragazzini che si allenano accompagnati dal prepararatore?
Che sia in quest'ultimo in bici o in scooter è esso stesso che li incita a non rispettare codice stradale.
Se parliamo di civica educazione che deve essere insegnata perché questi personaggi non lo fanno? Chiaro che poi i ragazzini diventeranno grandi e applicheranno questo comportamento a priori e il ciclo si perpetuera all'infinito.poi con la regola del sorpasso a 1.5 metri passare un ciclista e come passare un furgone ( dove possibile...).
Quando sono in moto e mi fermo al rosso vedo ciclisti che passano....poi al verde li raggiungo, li affianco e faccio notare al ciclista che il rosso serve anche alla sua sicurezza...morale vaffa assicurato.
Per questo e ore tutto il resto viva il fango sulla faccia!
 

angor

Ebiker pedalantibus
23 Novembre 2017
152
79
28
brescia
Bici
haibike sduro hardnine 4.0
Credo che, in termini di istigazione a comportamenti antisportivi, peggio degli allenatori di ciclismo ci siano solo quelli delle squadre di calcio, escludendo ovviamente le eccezioni che ci sono sempre. A cui seguono, a stretta distanza, quella dei genitori che assistono alle competizioni dei rispettivi figli.