News

Gamma Trek Powerfly 2018

Trek Powerfly Launch in Verbier, Switzerland

Alcune settimane fa siamo stati invitati da Trek a Verbier per la presentazione della gamma MTB 2018, tra le tante novità spicca la nuova Powerfly, e-mtb fortemente rivisitata dai designers della casa americana. La parola d’ordine è integrazione, grande lavoro è stato svolto per armonizzare le forme della batteria Bosch classica e dell’unità motore, con il telaio in alluminio.

Caratteristiche principali

La batteria rimane facilmente estraibile, si può caricare anche senza rimuoverla dalla sua sede e con il nuovo posizionamento si sono concentrate le masse, abbassando il centro di gravità.

Integrazione Batteria
Integrazione Batteria
Motore con paramotore
Motore con paramotore

Trek ha scelto il display minimale Purion per tutta la gamma, i motori saranno già aggiornati alla nuova modalità intelligente EMTB, messa a punto da Bosch per avere un’esperienza di riding maggiormente sportiva, un setting variabile, in funzione della pressione sui pedali impressa dal rider, in un range compreso tra Tour 120% e Turbo 300%. Rimangono disponibili i livelli di assistenza ECO-TOUR-TURBO selezionabili manualmente.

slorencephoto_pwrflylt_009
Display Purion

Ormai abbandonata la batteria da 400wh, tutti gli allestimenti prevedono la batteria da 500wh per aumentare l’autonomia.

slorencephoto_pwrflyfs_002
Powerpack 500

Trek ha scelto componenti specifici per l’assemblaggio della linea Powerfly, componenti robusti, studiati espressamente per le e-mtb.

Ruote plus con cerchi a spessore maggiorato, 32 raggi e costruzione robusta downhill standards (Powerfly 9, FS 9, LT 8, LT 9).

Ruote plus specifiche
Ruote plus specifiche

Dal catalogo Fox, sono state scete forcelle con struttura rinforzata, dimensionate per enduro,con settaggi specifici per e-mtb e steli diametro 34 o 36mm (Powerfly 9, FS 9, LT 8, LT 9).

slorencephoto_pwrflylt_006
Fox 36 su LT 9

La maggior richiesta di potenza frenante e di resistenza al surriscaldamentoha ha portato SRAM a mettere a punto il modello Guide RE, nati dall’unione di pompanti della serie Guide e pinze Code a 4 pistoncini, con pastiglie sinterizzate. Saranno montati sui modelli top di gamma (Powerfly 9, FS 9, LT 9).

Sempre di casa SRAM il gruppo EX1, anche questo studiato specificatamente per le emtb. Trasmissione robusta, con comando che permette di scalare un solo pignone alla volta per evitare di mettere eccessivamente sotto sforzo la catena, 8 velocità ma con range molto ampio 11/48, ampia spaziatura tra i rapporti per evitare cambiate multiple. Disponibile di serie sugli allestimenti top (Powerfly 9, FS 9, LT 9).

Powerfly FS 8
Powerfly FS 9

 

Powerfly LT 9
Powerfly LT 9

Con la gamma 2018 viene consolidata la collaborazione tra Trek e Bosch. Secondo Trek, Bosch ha un sistema affidabile e collaudato, con un’assistenza capillare e un supporto globale, in grado di soddisfare le richieste di grandi numeri. Tutti i motori saranno della serie performance CX, con display Purion e Powerpack 500.

Bosch Performance CX
Bosch Performance CX

Trek si avvale della collaborazione di tester e sviluppatori d’eccezione per lo sviluppo dei propri prodotti, tra questi troviamo atleti di fama internazionale come Rene Wildhaber.

milner_trekpowerfly018_239
Rene Wildhaber

 

Anche i nostri Lupato Brothers si divertono con le Powerfly!

Lupato Brothers
Lupato Brothers

milner_trekpowerfly018_138

milner_trekpowerfly018_189

Specifiche telai

La gamma Powerfly 2018 è composta da tre tipologie di telaio, una front e 2 full suspended.

Tutti i telai front prevedono:

  • Mozzo posteriore Boost 148.
  • Diametro reggisella di 31.6mm.
  • Passaggio interno per l’eventuale cavo del reggisella telescopico.
  • Allestimenti specifici donna.

Il modello 9 è equipaggiato con ruote plus da 27.5×2.8 pollici abbinate alla forcella da 120mm.

I modelli 5 e 7, hanno invece ruote da 29×2.4 pollici abbinate ad una forcella con 100mm di escursione. Solo la taglia 15.5″, si differenzia dalle altre più grandi, montando ruote da 27.5×2.4 pollici.

La piattaforma full suspended si sviluppa in due modelli con caratteristiche comuni:

  • Tubo sterzo E2 conico come da tradizione Trek.
  • Passaggio cavi interno al telaio, compreso quello per il reggisella telescopico.
  • Diametro tubo sella 31,6mm.
  • Mozzo posteriore standard Boost 148.
  • Passaggio gomme fino a 2.8″.

I due modelli differiscono per escursione, FS con 130mm e LT con 150mm.

Trek Powerfly Launch in Verbier, Switzerland

Geometrie, allestimenti e prezzi

Potete trovare tutta la gamma Powerfly 2018 aggiornata, QUI.

Tabella Geometrie | Specifiche Allestimenti

Powerfly 4 | 4 da donna (SmartWheelSize) 2.679
Powerfly 5 | 5 da donna (SmartWheelSize) 3.099
Powerfly 7 | 7 da donna (SmartWheelSize) 3.899
Powerfly 9 27.5+ 4.949
Powerfly FS 5 (27.5) 4.099
Powerfly FS 7 (27.5+) 4.999
Powerfly FS 9 (27.5+) 6.199
Powerfly FS 8 LT (27.5+) 5.649
Powerfly FS 9 LT (27.5+) 6.299

Trek Powerfly Launch in Verbier, Switzerland

 

 

Trek | Bosch | SRAM

  • <p>
    Sarebbe interessante avere qualche dettaglio in piu&#039;, o e&#039; una previsione/speranza?</p><p>Non ho alcun dettaglio, ma quando ho acquistato la Thok mi dissero che avevano scelto Shimano dopo aver valutato anche la next generation di Bosh in pre-view.
    </p><p><br /></p><p>Solo una speranza, ma visto cosa ha presentato in questa stagione Bosch (batterie integrate, nuovo motore Active Line, più compatto e con la corona), e sull&#039;onda di quanto sta facendo la concorrenza, Shimano in primis, mi aspetto che il prodotto nuovo specifico per la emtb sia qualcosa che superi sotto un po&#039; tutti gli aspetti quanto gli altri stanno facendo, e se ascoltano quello che da più parti viene richiesto, anche una batteria più capiente (anche se temo più ingombrante, visto che al momento la tecnologia quella è!).</p>
  • Io accetterei un peso maggiore se fosse lo scotto da pagare per avere tanti watt in più.
  • <p>il mercato pare che vuole telai dove batt e motore si vedono poco</p><p><br /></p><p>il mercato (nei grandi numeri valuta 500 o al max 600 wh abbastanza per la massa)</p><p><br /></p><p>le bici si progettano per la massa del mercato... le nicchie non sono remunerative nei volumi.</p><p><br /></p><p>credo che se sono furbi su bosch faranno telai con batt integrate di 500 wh e sfrutteranno al massimo il cavo ad y per accontentare le nicchie facendo maragi una 300 di piccole dimensioni e peso</p><p><br /></p><p>personalmente ritengo che nessuno farà mai una batt da 800 wh di serie che costerebbe+peserebbe+ingombrerebbe troppo e servirebbe SOLO ad una nicchia di clienti.</p>
  • <p>
    facendo maragi una 300 di piccole dimensioni e peso
    </p><p>Sai, questo era un argomento che avevo esposto a Franz-E ad un incontro sul Bosch, e giuro che adesso non ricordo la risposta, ma mi pare che fosse negativa, ma non ricordo proprio il motivo tecnico. Forse che la dimensione non cambierebbe? ad esempio, la batteria da 400 è uguale a quella da 500, o sbaglio?</p>
  • U
    <p>il primo che risolve il problema di densità di energia delle batterie in generale (tipo Tesla per intenderci) raccoglie i soldi con la carriola.</p>
  • <p>Comunque mi chiedo, vista l&#039;integrazione, se potevano allungare un pò il vano batteria e alloggiarne una da 650.... sarebbe stata vincente su tutti i fronti.</p>
  • <p>
    Comunque mi chiedo, vista l&#039;integrazione, se potevano allungare un pò il vano batteria e alloggiarne una da 650.... sarebbe stata vincente su tutti i fronti.
    </p><p>Si, ma Bosch non lo fa da 650, per cui sarebbe stato inutile.</p>
  • <p>
    il primo che risolve il problema di densità di energia delle batterie in generale (tipo Tesla per intenderci) raccoglie i soldi con la carriola.
    </p><p>Sempre Franz-E di Bosch ci diceva che appunto Tesla era il più interessato ad apportare innovazioni sulle batterie, ci diceva che hanno fatto qualcosa di nuovo, ma che per spazio e riscaldamento delle celle non era compatibile con il progetto di batteria per bici. Ci tocca attendere ancora!:pensive:</p>
  • "si può caricare anche senza rimuoverla dalla sua sede e con il nuovo posizionamento si sono concentrate le masse, abbassando il centro di gravità."

    non so se Mirko abbia le misure al millimetro, ma mi sembra ad occhio che la batteria sia esattamente alla stessa altezza di tutte le altre (forse un cicinin più alta di alcune), e comunque tutte le e-bike si caricano anche senza toglierla.

    Le NobbyNick su una bici del genere fanno tenerezza ... per non dire qualcos'altro
  • D
    <p>
    &quot;si può caricare anche senza rimuoverla dalla sua sede e con il nuovo posizionamento si sono concentrate le masse, abbassando il centro di gravità.&quot;</p><p><br /></p><p>non so se Mirko abbia le misure al millimetro, ma mi sembra ad occhio che la batteria sia esattamente alla stessa altezza di tutte le altre (forse un cicinin più alta di alcune), e comunque tutte le e-bike si caricano anche senza toglierla.</p><p><br /></p><p>Le NobbyNick su una bici del genere fanno tenerezza ... per non dire qualcos&#039;altro
    </p><p><br /></p><p>La frase che hai citato è presa dal comunicato stampa.</p><p>Probabilmente intendevano dire che pur essendo integrata nel tubo obliquo, rimaneva la possibilità di caricarla senza toglierla dalla bici, per quanto riguarda il posizionamento, l&#039;integrazione dovrebbe aver giovato alla distribuzione dei pesi. L&#039;obliquo è molto più grande rispetto al precendente modello.</p>
  • D