Magazine

La Ducati MIG-RR

In alcuni paesi europei le vendite delle ebike hanno ormai superato quelle delle bici classiche, anche grazie all’interessamento delle aziende del settore automotive, essendo le ebike per definizione un ibrido tra questo settore e quello classico.

Ducati fa il suo ingresso nel mondo ebike grazie alla collaborazione con una realtà consolidata del settore come Thok, con la MIG-RR.

Questa bicicletta non è semplicemente un modello rimarchiato di Thok, ma un prodotto creato in esclusiva per Ducati che non verrà replicato nella gamma Thok. Per fare ciò si sono affidati all’esperienza di Stefano Migliorini, che è ha dettato le linee guida di questo modello, orientato alla pratica dell’enduro, mantenendo una certa versatilità.

Questa bicicletta non è semplicemente un modello rimarchiato di Thok, ma un prodotto creato in esclusiva per Ducati che non verrà replicato nella gamma Thok. Per fare ciò si sono affidati all’esperienza di Stefano Migliorini, che è ha dettato le linee guida di questo modello, orientato alla pratica dell’enduro, mantenendo una certa versatilità.

Le caratteristiche tecniche principali sono la scelta, di derivazione moto, delle ruote di diametro differenziato: 27,5′ al posteriore e 29′ all’anteriore, escursione 170mm anteriore e 160mm posteriore e motore Shimano Steps 8000. Ecco la lista completa dei componenti del montaggio:

Come evidente la scelta di questa componentistica è molto curata, sino ai pneumatici, a riprova che è un modello di qualità che deve attrarre la clientela Ducati. Anche la vendita e l’assistenza sarà fatta solo da rivenditori Ducati. Proprio Ducati ha curato le grafiche tramite il proprio centro stile con la collaborazione di Aldo Drudi, che si occupa di questo progetto tramite degli addetti provenienti dal mondo moto, ma molto appassionati e praticanti di ciclismo.

Il progetto infatti vorrebbe estendersi a creare una gamma propria in futuro, da qui l’investimento nella formazione dei rivenditori anche all’assistenza. Questo nell’ottica della grande crescita del settore ebike e che sicuramente vedrà sempre più grande sinergia attraverso l’introduzione di modelli ibridi ed elettrici anche tra le moto vere e proprie.

Oltre alla presentazione nell’affascinante museo Ducati abbiamo anche avuto la possibilità di provare la MiGG-RR sui colli bolognesi, apprezzandone la grande facilità. Una bici su cui ci si sente subito a proprio agio, molto stabile sul dritto, ma anche molto buona a livello di agilità.

Anche se sono mancati pezzi molto scassati e tortuosi su cui provarla. Montaggio di alto livello su cui è difficile trovare delle pecche. Una eccellente bici che ho molto apprezzato.

Durante la presentazione ci è stato possibile visitare la fabbrica di Borgo Panigale, ma non scattare foto. Quindi vi lasciamo con un video girato da Ducati che comunque da l’idea di questa realtà fiore all’occhiello italiano.

La bici la trovo stupenda, ancora più della versione normale che per me era già un capolavoro per essere una non integrata.
Dico solo peccato non averla dotata di molla posteriore

Riguardo all'articolo, leggendolo un neofita è portato a pensare che sia Migliorini che Drudi abbiano partecipato solo alla realizzazione della MIg Ducati, quando invece sono parte integrante della nascita dell'azienda Thok e di tutti i suoi modelli
Peccato rovinare un marchio come Thok che nell'ambito dell mtb merita una sua storia, Ducati non ne ha bisogno ..... io da motociclista una Ducati non la comprerò mai, una Thok forse
Peccato rovinare un marchio come Thok che nell'ambito dell mtb merita una sua storia, Ducati non ne ha bisogno ..... io da motociclista una Ducati non la comprerò mai, una Thok forse
beh il marketing è una scienza reale e non si liquida con un "ma io..."
Al momento le e.bike si stanno avvicinando sempre di più al campo motociclistico, vuoi per la tipologia, vuoi perchè tanti motociclisti (enduristi) stanno passando alla e.bike, vuoi per uno sharing di accessori e componentistica oltre che abbigliamento tecnico.
Thok con questa partnership entra nei salotti buoni, si fa conoscere al grande pubblico, partecipa ad eventi e fiere, Ducati dal canto suo fa esperienza in questa nuova realtà dai numeri di crescita stupefacenti.

Io vedo questo connubbio una grande idea di marketing con possibili ed interessanti sbocchi futuri

sid
beh il marketing è una scienza reale e non si liquida con un "ma io..."
Al momento le e.bike si stanno avvicinando sempre di più al campo motociclistico, vuoi per la tipologia, vuoi perchè tanti motociclisti (enduristi) stanno passando alla e.bike, vuoi per uno sharing di accessori e componentistica oltre che abbigliamento tecnico.
Thok con questa partnership entra nei salotti buoni, si fa conoscere al grande pubblico, partecipa ad eventi e fiere, Ducati dal canto suo fa esperienza in questa nuova realtà dai numeri di crescita stupefacenti.

Io vedo questo connubbio una grande idea di marketing con possibili ed interessanti sbocchi futuri

sid
Dipende dai punti di vista, secondo me sono le case di moto che sono alla canna del gas, il motore a scoppio è destinato al declino, i giovani non vanno più in moto come facevamo noi vecchi, le moto costano troppo ecc.... i brand motociclistici cercano solo un modo per riciclarsi nel mondo dell'elettrico.

Poi ci sta che per aumentare i numeri di produzione Thok sfrutti un marchio così conosciuto, ma secondo me far conoscere il proprio prodotto con un marchio diverso invece che puntare sul proprio non è una buona mossa .... tra l'altro Ducati tutte le volte dice che è la prima volta nel mondo dell ebike invece sappiamo benissimo che ne ha presentate diverse, ha fatto fiere con altre bici marchiate Ducati e sempre con prodotti di produzione esterna e non interna ai suoi stabilimenti
Devo ancora capire in che maniera hanno raggiunto i 160mm dietro da 140 della thok che monta un 210x55...han forse montato un non metrico 216x63?
Qualcuno sa?
Vale ancora il vecchio adagio :

"Ducati soldi buttati" ?
A me piace tantissimo .... ma occorre una batteria da 630 per finire i giri in serenità
A me piace tantissimo .... ma occorre una batteria da 630 per finire i giri in serenità
Quoto, almeno batteria da 630.... e comunque ricordiamolo è un progetto “vecchio” 3 anni
Dipende dai punti di vista, secondo me sono le case di moto che sono alla canna del gas, il motore a scoppio è destinato al declino, i giovani non vanno più in moto come facevamo noi vecchi, le moto costano troppo ecc.... i brand motociclistici cercano solo un modo per riciclarsi nel mondo dell'elettrico.

Poi ci sta che per aumentare i numeri di produzione Thok sfrutti un marchio così conosciuto, ma secondo me far conoscere il proprio prodotto con un marchio diverso invece che puntare sul proprio non è una buona mossa .... tra l'altro Ducati tutte le volte dice che è la prima volta nel mondo dell ebike invece sappiamo benissimo che ne ha presentate diverse, ha fatto fiere con altre bici marchiate Ducati e sempre con prodotti di produzione esterna e non interna ai suoi stabilimenti

permettimi,
insegnare il marketing alla ducati, è proprio roba da tastiera e da forum... mi sembra che abbiano ampiamente dimostrato come si fa marketing avendo portato un azienda sull'orlo del tracollo a una delle più importanti nel settore moto.
Ora tra il direttore di marketing attuale della Ducati e tale zampa sul forum e.mtb io sarei portato a seguire chi fa questo lavoro da anni e viene per questo lautamente ricompensato....
senza offesa si intende...
permettimi,
insegnare il marketing alla ducati, è proprio roba da tastiera e da forum... mi sembra che abbiano ampiamente dimostrato come si fa marketing avendo portato un azienda sull'orlo del tracollo a una delle più importanti nel settore moto.
Ora tra il direttore di marketing attuale della Ducati e tale zampa sul forum e.mtb io sarei portato a seguire chi fa questo lavoro da anni e viene per questo lautamente ricompensato....
senza offesa si intende...
Guarda lavoro in un settore molto simile a quello delle MTB nel senso che sempre di giochi per adulti si parla, di megamaneger del marketing ne ho visti già abbastanza e ho visto i risultati, uno veniva proprio da Ducati e ha fatto una strage..... l'errore che fanno tutti è quello di sottovalutare l'utente finale e trattare prodotti specializzati per appassionati allo stesso modo di prodotti da scaffale del supermercato.
A parte che ducati non ha nessuna esperienza nel off road nemmeno sulle moto, gli appassionati di MTB non sono deficenti come pensano e dei salotti bene se ne fregano altamente, non è certo una scritta sul telaio che fa giudicare una bici, esempio pratico è KTM che nelle moto off road è la regina indiscussa e nelle MTB è considerato un prodotto entry level da prima esperienza, oppure Husqvarna che fa ottime bici ma forse fuori prezzo o non giudicate all'altezza di altri marchi .....


Tranquillo io non mi offendo, ognuno è libero di esprimere la sua opinone
Cmq mi chiamo zaNpa
    Sarà, intanto da "utente finale di prodotti specializzati" hai fatto nessun commento sul prodotto, ma solo sulla marca...
    ...in ogni caso le KTM ebike NON fatte da una azienda diversa da KTM moto... stesso marchio ma proprietà diversa... e non sono "entry level" come dici tu.

    La KTM moto è entrata nel settore con una nuova Azienda, la Pexco, che produce le ebike Husqvarna...

    Quello che apprezzo della partnership fra Thok e Ducati è che non hanno nascosto il fatto che Ducati si sia affidato ad una azienda specializzata per entrare in un settore nuovo per lei. Per Thok è una buona opportunità di crescita, per Ducati un modo per sondare il mercato delle ebike vendendole nei loro dealer... mi pare un po' di più di una semplice operazione di marketing.
L