[Test] Thok Mig + motore Shimano Steps E8000

Lo scorso novembre un nuovo marchio si è affacciato sul mercato delle e-mtb, ve ne abbiamo parlato in questo articolo di presentazione. A fine luglio, Stefano Migliorini ci ha invitato a visitare la sede Thok presso nuovo stabilimento di Tcn group ad Alba (CN).

20170710_165139-2560x1320

Non me lo sono fatto ripetere due volte, e sono andato a trovarlo.

20170710_165438-2560x1440
Tcn group opera in vari settori: meccanico, tessile e alimentare con più sedi produttive, Thok è stata una nuova sfida, che questi imprenditori piemontesi, spinti dalla passione e dalla pluriennale esperienza di Stefano Migliorini nel settore MTB, hanno voluto intraprendere.

20170710_170726-2560x831

 

Tcn group ha messo a disposizione dei tecnici Thok macchine e operatori per creare i primi prototipi e ne condivide magazzino,  logistica e amministrazione.

20170710_171215-2560x802

Showroom Thok

 

Il design definitivo della Mig invece è stato affidato allo staff di D-Perf del noto Aldo Drudi. Rispetto al primo prototipo è stata cambiata la posizione della batteria per concentrare le masse verso il basso e per creare lo spazio per il portaborraccia, tanto amato dai racer e tornato molto di moda ultimamente.

dscn2914-01-2560x1920

Primo prototipo ancora senza motore

 

Le Mig e le Mig R vengono prodotte e assemblate a Taiwan, mentre il modello Limited Edition, prodotto in soli 20 esemplari, è stato assemblato direttamemte in sede ed è ormai sold out sul sito.

dscn2910-01-2560x1920

Mig limited edition Tony Bou

 

20170710_171619-1440x2560

Non convenzionale è la politica intrapresa per la distribuzione. Se vorrete acquistare una Mig, lo potrete fare solo direttamente online sul loro sito, scegliendo la consegna tramite un negozio convenzionato vicino a voi che la preparerà, o se preferite, direttamente a casa vostra. Sul territorio nazionale e anche all’estero, stanno nascendo i Thok Point, negozi che metteranno a disposizione degli appassionati la possibilità di vedere e di provare le Mig prima dell’acquisto.

dscn2916-01-2560x1920

Stefano Migliorini con la Mig protagonista del test

In occasione della visita ho ricevuto una Mig per un test approfondito da effettuarsi sui miei sentieri di casa, per poter spremere al massimo e nelle condizioni piu varie questa bici dall’indole molto sportiva. In un paio di settimane a mia disposizione sono riuscito a fare oltre 250km sui trail finalesi e pietresi.

In sintesi

Materiale telaio: Alluminio
Formato ruote: 27.5 Plus
Geometrie variabili: No
Corsa ant/post: 150/140mm
Mozzo posteriore: 148×12
Mozzo anteriore: 110×15
Interasse ammortizzatore: Metrico (210x55mm)
Trasmissione: 1×11 (34t – 11-42)
Attacco per deragliatore: No
Attacco portaborraccia: Si
Motore e batteria: Shimano E8000 250W / Non integrata 504Wh

Analisi Statica

20170803_145213-2560x1440

20170803_145927-2560x1440

Telaio in alluminio,  dalla forma allungata nella parte anteriore, per ospitare sotto al tubo obliquo opportunamente schiacciato la batteria standard Shimano in una posizione inedita, che dona alla bici un look personale, molto distintivo. La vernicatura di un grigio scuro metallizzato opaco si è rivelata molto robusta e gradevole, accostata ai particolari rossi dal richiamo racing. Passaggio cavi completamente interno al triangolo principale, molto ben curato, con una piastrina blocca cavo all’ingresso. Meno raffinato il passaggio cavi in prossimità del motore, con una vistosa guaina di protezione. Il sensore di velocità è in posizione classica a metà fodero destro con magnete sul raggio.

20170803_151636-2560x1440

20170803_153522-2560x1440

Il motore è ben protetto da una piastra che lo avvolge interamente, che si raccorda perfettamente con la robusta protezione batteria in materiale plastico, ancorata fermamente al telaio da una cinghia in gomma con logo Thok. Una bella protezione in gomma avvolge il fodero orizzontale destro, proteggendolo dalle frustate della catena, aiutando anche a rendere più silenziosa la discesa sui trail più scassati.

20170803_153553-2560x1440

Lo schema di sospensione posteriore è un classico quadrilatero con giunto Horst, che Thok ha chiamato APS, comandato da un ammortizzatore RockShox Deluxe R posizionato orizzontalmente sotto al top tube, per creare lo spazio per un comodo portaporraccia in posizione classica. L’ammortizzatore non dispone di blocco,  l’unica regolazione esterna riguarda il controllo del ritorno. I tecnici Thok consigliano un SAG del 25%, che ho trovato corretto  per una guida sportiva/aggressiva. La sospensione risulta essere sufficentemente progressiva, sono arrivato a fondocorsa solo in rari casi.

dscn2919-2560x1920

 

 

All’anteriore troviamo una forcella RockShox Yari Rc con corsa 150mm,  per ruota plus con battuta per mozzi boost, con registro del ritorno e compressione fino al bloccaggio. Una forcella semplice, sufficentemente rigida e dimensionata per un uso spinto, l’idraulica non è all’altezza della sorella maggiore Lyrik, pecca un po’ di sensibilità e scorrevolezza.

20170803_145419-1440x2560

Il cockpit è formato da prodotti marchiati Thok, dalle dimensioni spiccatamente racing. Il manubrio é largo 780 mm con unrise di 20mm e diametro 35mm, abbinato ad un  attacco manubrio estremanente corto e rigido. Manopole con un solo anello di bloccaggio con un buon grip.

Oltre a freni, dovremo trovare il posizionamento ottimale per il comando del reggisella telescopico, il comando remoto dell’assistenza motore e il comando del cambio. Il display dalle dimensioni minimali rimane ben protetto dalla piega del manubrio, in una posizione quasi centrale, molto ben visibile.

20170803_145730-2560x1440

Il gruppo NX a 11v, entry level di casa SRAM, è stato scelto per equipaggiare la Mig. Il cambio è provvisto di frizione e di blocco per facilitare l’operazione di smontaggio ruota, prevede una cassetta 11/42 con ruota libera standard e un comando con collare integrato. Le pedivelle invece sono Shimano con corona da 34 denti (bcd104) e guidacatena superiore. La cambiata risulta precisa e immediata, ottima per essere un gruppo economico, il cambio era nuovo, ma il resto della trasmissione aveva parecchi chilometri.

20170803_145324-2560x1440

I freni provengono dal catalogo Shimano, sono i Deore con dischi da 203mm e pastiglie sinterizzate sia all’anteriore che al posteriore. La frenata è risultata potente e modulabile, diventano rumorosi se molto stressati in frenate prolungate. Non ho mai sentito la necessità di freni più potenti.

20170803_145939-2560x1440

Le ruote di serie sono Novatec come da specifiche tecniche, ma la bici in test era equipaggiata con delle Sun Ringlé Düroc 40 (584×36 mm) con cerchio in alluminio,  montate con gomme Maxxis da 2.8″, una Rekon tr 3c al posteriore,  scorrevole, ma un pochino carente in tenuta laterale, e Minion DHR all’anteriore, con una tassellatura molto aggressiva che non ha mai dimostrato incertezze a qualunque angolo di piega. Le ruote erano traformate tubeless e ho potuto utilizzare tranquillamente una pressione di 1.4 bar al posteriore e 1.1 bar all’anteriore.

20170723_112834-2560x1440

Fa parte della dotazione di serie anche il reggisella telescopico marchiato Thok,  con un comando remoto dall’azionamento molto morbido e un funzionamento impeccabile.

dscn2926-01-2560x1920

La bici test, in taglia M, senza pedali, con gomme latticizzate e ruote non standard pesa 22.85kg. La batteria 2630 grammi.

20170803_151043-2560x1440

 

20170723_120709-2560x1440

Geometria

La Mig è un bici racing, un purosangue amante della velocità. Le geometrie lo dimostrano: angolo sterzo da 66°, carro da 450mm, reach moderni ma non esasperati, abbinati ad attacco manubrio corto e manubrio da 780mm.

studio_20170822_015414

Gamma e prezzi

La gamma attualmente disponibile è composta da 2 modelli che variano sostanzialmente solo per alcuni componenti montati.

Mig (bici in test) 3990€ + s.s.

20170710_171536-2560x1440

Mig R 4990€ + s.s.

20170710_171548-2560x1440

Motore Shimano E8000

Vorrei approfondire velocemente il comportamento dell’unità Shimano studiata espressamente per le e-Mountain bike.

Punti forti:

  • Le dimensioni ridotte e corona di dimensioni classiche permettono lo studio di foderi corti e un migliore posizionamento dei fulcri senza sacrificare i cinematismi. Batteria da 504Wh, anch’essa di dimensioni contenute, con un aggancio al telaio ad espulsione laterale.
  • Il display a colori, molto visibile in ogni condizione di luce e fissato al manubrio in una posizione protetta, ci fornisce varie informazioni, tra le quali anche la cadenza di pedalata. Può essere collegato via Bluetooth ad uno smartphone per installare futuri aggiornamenti, che consentiranno una personalizzazione delle mappature.
  • Walk Assist, funzionante anche se non particolarmente veloce, facilmente attivabile tenendo premuta una leva del comando delle assistenze.
  • Feedback fisico e bip sonoro durante le cambiate.
  • Modalità eco molto potente, su strade non particolarmente ripide, spinge oltre le aspettative.
  • Modalità Trail molto progressiva in fase iniziale di spinta, quasi una tuttofare quando ci si trova su trail impegnativi.
  • Range di pedalata molto ampio, si superano agevolmente i 100rpm senza cali percepibili di spinta.
  • Attrito quasi nullo a motore spento.

dscn2922-2560x1920

Punti deboli

  • Pulsante di accensione posizionato solo sulla batteria. In alcuni casi, potrebbe risultare scomodo da raggiungere
  • Comando delle assistenze dalle dimensioni invadenti, potrebbe condizionare il posizionamento del remoto del reggisella telescopico e la giusta ergonomia delle leve dei freni.
  • Il pulsante per cambiare la visualizzazione delle informazioni è posizionato sulla cornice del display e ci costringe a togliere una mano dal manubrio per premerlo.
  • Manca l’indicazione della batteria residua in percentuale.
  • Modalità Boost eccessivamente scorbutica, quasi inutilizzabile in ambito fuoristrada sportivo.
  • Rumore di stacco alla soglia dei 25kmh, più avvertibile con assistenze alte.
  • Il motore continua a spingere per qualche istante dopo che si è smesso di pedalare, fastidioso in alcune situazioni e molto stressante per la trasmissione fase di cambio rapporto.
  • Se si accende il motore tenendo il piede sul pedale, inesorabilmente comparirà l’errore W13, che vi costringerà a ripetere la procedura di accensione.
img_0516

Errore W013

Un’unità buona, con un grande potenziale, che ancora necessita di sviluppi software per migliorarne l’esperienza d’uso.

Probabilmente, gli imminenti aggiornamenti annunciati da Shimano ci daranno la possibilità di gestire al meglio le caratteristiche del motore secondo le nostre personali esigenze.

img_2017-08-18_04-40-21

Tutte le schermate informazioni del display

In azione

In sella si nota subito la vocazione corsaiola della Mig: si percepisce immediatamente una sensazione di controllo dovuto ad un manubrio largo e alle geometrie spinte ma non estreme, che ci fanno sentire subito a nostro agio.

20170723_1236400-02-2560x1440

Salita

Ottima pedalabilità sullo scorrevole. Nonostante l’ammortizzatore non bloccabile, non si percepiscono particolari oscillazioni, si sale veloci anche in eco accompagnati dal sibilo del motore e dal rumore di rotolamento della generosa tassellatura delle gomme plus montate, ma presto ci si abitua.

Messa alla prova su trail ripidi dal fondo infido, bisogna impegnarsi nella guida per tenere a bada l’esuberanza del motore nella modalità boost, cercando di limitare gli alleggerimenti dell’avantreno per mantenere la necessaria direzionalità. La sensazione è di avere un angolo sterzo maggiormente disteso rispetto al dichiarato.

La Rekon non ha nel grip la sua dote migliore, ma trovata la giusta pressione, non delude quasi mai.

20170723_103859-01-2560x1440

Discesa

La Mig nasce per questo. È una bici veloce, stabile ma allo stesso tempo maneggevole, va guidata in maniera aggressiva per ottenerne il massimo. La posizione bassa del manubrio, abbinata ad un rise non particolarmente accentuato, ci porta a caricare molto l’avantreno, specialmente in ingresso di curva il rider più sportivo la butterà dentro senza mezzi termini e la Mig manterrà linee precise a velocità da far lacrimare gli occhi. Sullo scassato assorbe bene le asperità, nonostastante le sospensioni non siano particolarmente raffinate e dotate di escursioni generose.

La posizione di guida avanzata potrebbe creare qualche difficoltà sui salti presi a bassa velocità, la tendenza dell’anteriore a scendere velocemente dopo lo stacco potrebbe farci prendere qualche spavento, l’atterraggio sarà sempre controllato a patto di mantenere una posizione centrale.

Il rider non troppo aggressivo apprezzerà le doti di assorbimento delle gomme plus da 2.8″, ma per ottenere il massimo in discesa è necessario trovare la pressione corretta, per evitare reazioni indesiderate come deprapate del retrotreno e rimbalzi dell’avantreno.

dsc_0418-01-2560x1695

Problemi riscontrati

La bici test era dotata di un forcellino preserie troppo corto e dopo alcune uscite non tratteneva più il cambio NX nella posizione corretta. I tecnici Thok hanno già risolto l’inconveniente, tutte le bici consegnate sono dotate del forcellino lungo, con il quale non ho più avuto problemi.

img-20170730-wa0017-01

Confronto forcellini

Le ruote montate non erano quelle di serie, ma arrivavano da un altra bici che aveva affrontato parecchi test, quindi risultavano delle crepe in corrispondenza dei nipples, probabilmente dovuti ad un eccessiva tensionatura dei raggi. Comunque, se avete una Mig R,con le ruote Sun Ringlé, tenetele sotto controllo.

 

20170803_153130-01

La batteria che avevo in dotazione, una volta arrivati all’ultima tacca indicata, portava il motore immediate in modalità eco e dopo un paio di kilometri si spegneva inesorabilmente. Segnalato il problema, ho ricevuto per l’ultimo giro test una batteria diversa, anch’essa usata, ma che si è comportata in maniera diversa, l’ultima tacca aveva una autonomia maggiore e mi permetteva di variare le assistenze a mio piacimento.

20170803_145355-1440x2560

Conclusioni (adatta a chi?)

La componentistica scelta per questo modello base del marchio piemontese risulta robusta e adeguata, una di quelle bici che nonostante il prezzo da entry level non necessita di upgrade per renderla efficace sui trail. Il rapporto qualità / prezzo / prestazioni, risulta essere uno dei migliori sul mercato.

La Thok Mig è da considerarsi una bici polivalente con un’anima corsaiola adatta maggiormente a rider sportivi che ne apprezzeranno  le doti dinamiche.

I rider più tranquilli avranno un mezzo che gli permetterà di progredire con la tecnica, con ampie doti di controllo e stabilità.

20170723_125112_004-01-2560x1440

 

20170730_120726_008-2560x1440

Thok e-bikes | Stefano Migliorini | Tcn Group

, ,

27 risposte a [Test] Thok Mig + motore Shimano Steps E8000

  1. Lucchio.54 25/08/2017 at 08:09 #

    Grande Duca, bravo professionale, chiaro.

  2. Gatto02 25/08/2017 at 09:42 #

    Bravo ducams, bella prova è molto esaustiva, complimenti

  3. LucaS 25/08/2017 at 10:06 #

    Molto ben fatta! Complimenti Duca!

  4. Toscano88 25/08/2017 at 10:09 #

    ottimo report!

  5. deltabi 25/08/2017 at 11:00 #

    Bella recensione, complimenti. La stavo aspettando anch’io perché interessato alla MIG.
    Dopo averla letta mi è però sorto un dubbio: in più di una occasione, nel testo si fa riferimento ad una posizione di guida piuttosto aggressiva, in avanti. Ora, io non sono certamente un guidatore aggressivo e, anzi, patisco per motivi fisici il carico eccessivo sulle braccia e sui polsi, in particolare. Mi chiedevo quanto questa configurazione di guida sia realmente spinta… per dare un termine di paragone, ad esempio, rispetto alla notissima Levo?
    Indubbiamente dovrò trovare il tempo di provarla, ma mi piacerebbe avere un commento al riguardo dall’autore e da chi ha esperienza di entrambe le bici. Grazie.

  6. Fabri 25/08/2017 at 11:50 #

    Grandissimo……..
    Ora per colpa tua ordineró una mig…!!!!!!

  7. dingo64 25/08/2017 at 12:25 #

    Ottima recensione! Sempre più contento di averla presa, confermo le sensazioni di Duca nella guida. In discesa non sono mai andato così forte, neppure quando avevo una bici senza motore (Personal Record su segmenti in discesa di Strava, non sensazioni…)!

  8. ducams4r 25/08/2017 at 22:24 #

    Bella recensione, complimenti. La stavo aspettando anch'io perché interessato alla MIG.
    Dopo averla letta mi è però sorto un dubbio: in più di una occasione, nel testo si fa riferimento ad una posizione di guida piuttosto aggressiva, in avanti. Ora, io non sono certamente un guidatore aggressivo e, anzi, patisco per motivi fisici il carico eccessivo sulle braccia e sui polsi, in particolare. Mi chiedevo quanto questa configurazione di guida sia realmente spinta… per dare un termine di paragone, ad esempio, rispetto alla notissima Levo?
    Indubbiamente dovrò trovare il tempo di provarla, ma mi piacerebbe avere un commento al riguardo dall'autore e da chi ha esperienza di entrambe le bici. Grazie.

    Rispetto alla Levo, ha una posizione più racing, anche perché le due bici si posizionano in categorie diverse.

  9. goosebike2 26/08/2017 at 14:17 #

    Ciao sembra una buona bici con componentistica di alto livello come prezzo non e regalata ma un po di esclusivita si paga direi che per quanto mi riguarda potrebbe essere un opzione di acquistò interessante anche se vedo che altri marchi che sono da più tempo sul mercato offrono soluzioni simili con prezzi e dotazioni non molto diverse .
    Mi ha sorpreso che il marchio in questione faccia capo ad una azienda italiana di ALba ,io abito in Piemonte e non troppo distante da alba per cui posso eventualmente fare un capatina nella sede che credo sia dotata di store di vendita.

  10. Valeduke 26/08/2017 at 17:35 #

    Grazie 1000 !
    Ottima prova

  11. goosebike2 27/08/2017 at 15:05 #

    faccio un appunto in merito al prezzo di questa ebike , direi che 3990 euro e’ in linea con altre bici prodotte da marchi tipo atala dove con una cifra di poco inferiore , si parla di 100 euro si puo accquistare un prodotto con compnentistica molto simile e con motore yamaha oppure con motor bosch perchi preferisce il motore tedesco.
    l’unico vero plus di questa bici e il posizionamento della batteria che secondo me aiuta ad accentrare le masse e rendere il mezzo molto stabile specie in discesa .

  12. ducams4r 27/08/2017 at 16:50 #

    faccio un appunto in merito al prezzo di questa ebike , direi che 3990 euro e' in linea con altre bici prodotte da marchi tipo atala dove con una cifra di poco inferiore , si parla di 100 euro si puo accquistare un prodotto con compnentistica molto simile e con motore yamaha oppure con motor bosch perchi preferisce il motore tedesco.
    l'unico vero plus di questa bici e il posizionamento della batteria che secondo me aiuta ad accentrare le masse e rendere il mezzo molto stabile specie in discesa .

    Hai valutato anche le geometrie nel tuo confronto tra i due marchi?

  13. goosebike2 27/08/2017 at 22:37 #

    no le geometrie no , apparentemente , da profano mi sembrano molto simili certo sulle atala l'ammortizzatore posteriore e' verticale mentre sulla thok e' orizzontale sotto la canna

  14. Fabri 29/08/2017 at 20:15 #

    A livello di assistenza , ducam, cosa ne pensi..????
    Non essendoci mai passato, com’è non avere un negozio fisico a cui rivolgersi.???
    I thok Point che funzione hanno???
    Non ti seguono nel post vendita…..giusto????

    • dingo64 29/08/2017 at 22:24 #

      Ciao! I Thok Point sono dei negozi e ti seguono anche nel post vendita. Come qualsiasi altra marca con distribuzione tradizionale

  15. Fabri 29/08/2017 at 23:21 #

    Non lo sapevo…..grazie dell'informazione.
    Pensavo fosse solo un tramite in fase di vendita.
    Quindi,  per eventuali problemi, ci si rivolge al negozio..???
    Sia in garanzia che eventualmente dopo per ricambi, ecc..????

  16. dingo64 01/09/2017 at 12:03 #

    no le geometrie no , apparentemente , da profano mi sembrano molto simili certo sulle atala l'ammortizzatore posteriore e' verticale mentre sulla thok e' orizzontale sotto la canna

    Secondo me dovresti provarle entrambe per capire la differenza. La posizione dell'ammortizzatore posteriore non incide sulle geometrie, al massimo sul funzionamento della sospensione. Ci sono sistemi con ammortizzatore verticale (Trek ad esempio) o "orizzontale" (Specialized ad esempio) molto simili come comportamento. Quello che cambia molto sono le "misure" del telaio e gli angoli del tubo sella e del canotto di sterzo, oltre alla lunghezza del carro ed alla distribuzione dei pesi.

    Il "mix" di queste cose fa la differenza nelle prestazioni delle bici, elettriche o no.

  17. dingo64 01/09/2017 at 12:03 #

    Non lo sapevo…..grazie dell'informazione.
    Pensavo fosse solo un tramite in fase di vendita.
    Quindi,  per eventuali problemi, ci si rivolge al negozio..???
    Sia in garanzia che eventualmente dopo per ricambi, ecc..????

    Si

  18. tpx 01/09/2017 at 12:42 #

    Info di servizio. Sulla pagina FB Thok ha comunicato di avere in pronta consegna le bici. Chi la vuole ne approfitti 🙂

  19. Bartbike 01/09/2017 at 19:07 #

    Complimenti per la prova: esauriente, chiara e professionale

  20. goosebike2 02/09/2017 at 06:07 #

    Dingo grazie delle delucidazioni

  21. goosebike2 02/09/2017 at 06:11 #

    Come titolo dfi d'esempio quando provai l atala b cross con motore Bosch ,ho poi notato che non e troppi dissimile dalla mia merida elettrificata .
    Ho altresì notato che sia una che l altra essendo più pesanti causa motore e bstteria ,le bici sono molto più stabilì in discesa e in frenata sempre su sterrati in discesa tende a bloccare di meno .

  22. CORSARO 03/09/2017 at 23:55 #

    @ducams4r secondo te… se e quanto "Tira" meno in alto come rpm lo schimano rispetto a bosch? grazie

  23. ducams4r 04/09/2017 at 09:43 #

    @ducams4r secondo te… se e quanto "Tira" meno in alto come rpm lo schimano rispetto a bosch? grazie

    Come rpm max direi che si equivalgono o comunque superano entrambi agevolmente i 100 rpm con ancora una buona spinta. L'impressione è che il Bosch sia, in condizioni estreme, leggermente più corposo.

  24. CORSARO 04/09/2017 at 12:57 #

    Come rpm max direi che si equivalgono o comunque superano entrambi agevolmente i 100 rpm con ancora una buona spinta. L'impressione è che il Bosch sia, in condizioni estreme, leggermente più corposo.

    ok grazie della info

  25. Toscano88 12/09/2017 at 19:47 #

    a cosmo bike ci sarà lo stand di thok?

Lascia un commento


Vai alla barra degli strumenti