[Test] Radon Slide 140 Hybrid 7.0 400

Radon bikes, per chi non lo conoscesse, è un marchio tedesco che fa vendita solo online tramite il noto sito Bike-discount.de, ha una gamma di modelli molto sviluppata che spazia dalla strada alla MTB passando per il trekking, urban e le emtb, proponendo sia telai in alluminio che in carbonio.

È un marchio conosciuto principalmente per offerta di bici a prezzi molto popolari in funzione di montaggi molto ben articolati, completi e di ottima qualità.

20171128_114817

Il test si è sviluppato esattamente su 500km, durante i quali ho portato la Slide Hybrid sulle impegnative PS mondali EWS e su trail più tranquilli e pedalati, vista la posizione in sella particolarmente bilanciata. L’ho anche usata per un paio di passeggiate con la famiglia.

20171128_115407

In sintesi

Materiale telaio: Alluminio
Formato ruote: 27.5 x 2,6
Geometrie variabili: No
Corsa ant/post: 150/140mm
Mozzo posteriore: 148×12
Mozzo anteriore: 110×15
Trasmissione: 1×11 (15t– 11-42)
Attacco per deragliatore: No
Attacco portaborraccia: No
Motore e batteria: Bosch Performance CX 250W 36V / Integrata 400Wh

Analisi Statica

Telaio completamente in alluminio dalla silhouette molto piacevole e filante, visivamente i foderi obliqui si allineano con il top tube creando una linea continua dallo sterzo al perno della ruota posteriore. La livrea è molto sobria in tipico stile teutonico, il colore di base è nero opaco alternato al grigio lucido, con grafiche minimali a contrasto.

20171128_115418

Particolare distintivo del telaio è il down tube idroformato, schiacciato e sagomato per abbracciare e proteggere la classica batteria Bosch. Saldature molto evidenti specialmente nella zona motore.

20171128_115027

Tutti i cavi e tubi passano all’interno del tubo obliquo, per poi fuoriuscire da sotto alla batteria e continuare a vista, sorretti soltanto da occhielli avvitati al telaio, una soluzione non troppo elegante ma funzionale che ci permetterà di eseguire eventuali sostituzioni senza la necessità di smontare il motore.

20171128_115142

Il motore adotta le coperture estetiche originali Bosch dalla forma tondeggiante, che si integrano forzatamente nel design globale della bicicletta sporgendo anteriormente rispetto alla base del tubo obliquo, sotto al quale è presente una sottile pellicola trasparente a proteggere la verniciatura dai sassi alzati dalla ruota anteriore.

La forma dei foderi lascia abbondante spazio al passaggio ruota in caso di fango. Il fodero inferiore destro è ricoperto da una protezione adesiva gommosa sagomata.

20171128_115038

Per la sospensione posteriore i tecnici Radon hanno optato per un collaudato schema a quadrilatero con giunto Horst, con biella principale che aziona un ammortizzatore RockShox Deluxe R 185×55 con attacco Trunnion, che sviluppa alla ruota 140mm di corsa disponibile.

L’ammortizzatore è il modello alla base della gamma metrica, possiede solo la regolazione del rebound, risulta sufficentemente sensibile sui piccoli urti e abbastanza stabile in pedalata. Impostando un SAG inferiore al 25%, le oscillazioni in pedalata sono minime, non si rimpiange la mancanza di un blocco in compressione.

Sui grossi impatti l’ammortizzatore esaurisce velocemente la sua corsa, i rider più pesanti avranno bisogno di inserire degli spessori per limitare il volume della camera pneumatica e rendere la sospensione più progressiva.

20171128_115049

Anche la sospensione anteriore fa parte del catalogo RockShox, precisamente una Yari RC da 150mm di corsa, con controllo del rebound e della comprensione fino al blocco totale, steli da 35mm e standard Boost 15x110mm al mozzo con perno senza quick release, ma con un perno fisso che necessita di una chiave a brugola per essere smontato, una soluzione racing insolita su una bici di questa categoria. Spiccano le grafiche bianche, unica nota chiara di tutta la bici.

La forcella ha una buona rigidità che rende l’avantreno stabile in frenata e rapido nei cambi di direzione, incassa bene i colpi più impegnativi senza mai scomporsi, ma pecca di sensibilità sugli urti in rapida sequenza, andando ad affaticare mani e braccia nei trail lunghi ed impegnativi.

20171128_115011

La tramissione è affidata al gruppo SRAM NX, il quale mi ha stupito per precisione e velocità delle cambiate, non ha mai perso un colpo e per tutta la durata del test non ho mai dovuto registrarlo!

Il range di rapporti è ben spaziato e ci permette nel rapporto più lungo di pedalare con una frequenza accettabile oltre i 40 km/h in discesa. Le pedivelle FSA da 175mm limitano la luce a terra nei passaggi più critici.

20171128_115104

Le ruote SUN Ringlé Düroc 35 comp mi hanno impressionato per la scorrevolezza dei mozzi, che hanno reso “leggera” la pedalata anche a motore spento, consentendomi di mantenere agevolmente i 27/28 km/h in pianura.

I cerchi con canale interno da 32mm arrivano montati con una coppia di Schwalbe Nobby Nic Addix da 2.6″, con mescola Pace Star al posteriore per favorire la scorrevolezza e Trail Star all’anteriore per migliorare la tenuta. Sono entrambe tubeless ready, ma montate originariamente con la classica camera d’aria.

20171128_115530

Per quanto riguarda l’impianto frenante, troviamo un Magura MT5 con doppio pistoncino all’anteriore e un MT4 a pistone singolo maggiorato al posteriore. Su entrambe le ruote sono stati montati dischi da 180mm. Le leve al manubrio sono molto confortevoli ed ergonomiche, presentano solo la regolazione della distanza della leva dalla manopola per adattarsi al meglio alla dimensione della mano del rider.

L’impianto risulta modulabile e moderatamente potente, tende a diventare rumoroso se molto sollecitato, rimanendo comunque sempre efficente.

20171128_114902

Il ponte di comando è composto da un manubrio di soli 720mm abbinato ad un attacco da 75mm, entrambi marchiati Level Nine, manopole Ergon leggermente sagomate, display Bosch Purion, comando reggisella telescopico, trigger Sram NX e leve freno Magura.

Alla dotazione di serie ho aggiunto il Garmin Edge 520 montato sul manubrio in prossimità dell’attacco e un comodo campanello per avvisare i pedoni distratti.

Personalmente avrei preferito un manubrio più largo per aumentare il controllo della bici e un attacco più corto per aumentare la direzionalità, comunque queste scelte sono da considerarsi coerenti alle geometrie e al target di questa bici.

20171015_124609

Radon ha scelto un ormai collaudata e affidabile unità Bosch Performace CX, già aggiornata con la modalità eMTB, abbinata alla batteria classica da 400Wh che risulta adeguata se non si fanno giri con molto dislivello o utilizzando modalità troppo spinte. In gamma è presente anche il modello con allestimento analogo ma con batteria da 500Wh.

Per via della particolare integrazione con il telaio, la batteria non può essere caricata direttamente collegata al telaio, ma va smontata  per poter accedere al connettore di ricarica, quindi, se avete in programma di ricaricare la batteria durante l’uscita,  ricordatevi di portare la chiave!

20171128_115611

Il display Purion ha dimensioni molto contenute ci permette di lasciare libera la zona centrale del manubrio per il posizionamento di altri accessori quali una luce o navigatori, purtroppo fornisce solo indicazioni essenziali: velocità e livello batteria in primo piano, odometro, trip parziale, autonomia residua, modalità assistenza in secondo piano visibili una alla volta.

L’ergonomia dei tasti è migliorabile e il feedback alla pressione risulta scarso, non sempre ci permette di capire se abbiamo effettivamente cambiato modalità di assistenza.

20171128_115325

A completare l’allestimento troviamo un reggisella telescopico marchiato Radon da 120mm con comando al manubrio e passaggio cavo interno al telaio. La sella è una Selle Italia X1.

20171128_120313

Geometrie

I progettisti Radon non hanno seguito la corrente Forward Geometry, perché la bici ha quote geometriche da classica trail bike. Reach corto compensato da un attacco manubrio lungo e stack piuttosto alto ci consentono di avere una posizione eretta e comoda in pedalata, ma poco bilanciata in discesa. Gli angoli sono corretti, il carro estremamente lungo ci regala una trazione eccezionale, ma ci penalizza nelle manovre strette, portando il passo oltre i 1220 mm, che rendono la bici stabile nei tratti veloci, ma poco intuitiva nei tratti tecnici.

La bici in prova era taglia 18″, a questo link potete trovare le quote delle altre taglie.

studio_20171215_090204

Gamma e Prezzi

La gamma è articolata in 3 modelli:

I primi 2 hanno lo stesso montaggio, differiscono solo per la batteria (400Wh contro 500Wh). Il modello 8.0 ha un montaggio più raffinato. Attualmente il modello 7.0 è in promozione con un ribasso di 300€. Le bici sono disponibili in pronta consegna acquistabili sul sito Bike Discount.

NB: I prezzi finali saranno aumentati della differenza IVA rispetto alla Germania e dalle spese di spedizione.

In azione

Appena salito in sella mi sono trovato subito a mio agio, la posizione comoda mi ha fatto subito venire voglia di pedalare, affrontato i primi trail ho capito che è una bici rapida e polivalente che si adatta ad ogni terreno, ha un comportamento neutro che non sorprende mai, a patto di non esagerare con la velocità!

Salita

Sulle salite scorrevoli la bici mostra il meglio sé, sale velocemente coaudiuvata dalla spinta energica del motore Bosch CX e dal poco attrito fornito dalle ruote e dalle gomme. La posizione in sella comoda ed efficente ci permetterà di mantenere medie di tutto rispetto.

Sulle salite ripide con fondi impegnativi vengono fuori le doti arrampicatrici della Slide Hybrid, il carro lungo scarica a terra tutta la potenza, difficilmente sentiremo l’anteriore sollevarsi o la ruota posteriore slittare.

Sulle salite tecniche trialistiche con fondo roccioso il movimento basso e il passo lungo penalizzano le manovre a bassa velocità,  spesso si tocca a terra con le pedivelle e il paramotore, il passo lungo rende la bici poco agile nei trail stretti e particolarmente tortuosi.

Discesa

Una bici che da il meglio di sé in salita verrebbe da pensare che possa soffrire in discesa, invece, la Slide si lascia condurre facilmente su trail scorrevoli, con inserimenti in curva rapidi, e veloci cambi di direzione. Sicuramente la scelta di gomme dal profilo molto tondeggiante e la sezione ridotta da 2,6″ aiuta a rendere la bici maneggevole e al tempo stesso comoda. Se manteniamo velocità moderate, da trail bike, la bici ci darà molte soddisfazioni.

Sui trail più ripidi e tecnicamente impegnativi escono fuori i limiti di geometrie non adatte ad una guida veloce e aggressiva. Ho subito alcune perdite di aderenza all’anteriore dovuto alla tassellatura e alla mescola della gomma non adatta in questo ambito.

La sospensione posteriore dimostra una scarsa progressività, specialmente atterrando da salti di media entità, spesso si raggiunge il fondo corsa. Sui trail particolarmente scassati affrontati a velocità sostenuta saremmo costretti a lavorare molto con il corpo per tenere a bada le reazioni della bici. Di fatto da una trail bike non possiamo pretendere le velocità e la stabilità di una enduro.

 

Autonomia

La bici in test era equipaggiata con la batteria da 400Wh che mi ha consentito di effettuare uscite da circa 50km con 1200mt D+ utilizzando prevalentemente assistenze medio basse. Ho utilizzato la mia batteria da 500Wh solo per uscite molto impegnative e per avere un margine di autonomia maggiore. Valutata l’esigua differenza di prezzo è da preferire l’allestimento con batteria da 500Wh.

Problemi riscontrati durante il test

Dopo aver urtato violentemente su una roccia, è stato necessario riaccoppiare i gusci del paramotore che si erano separati, comunque non ha subito danni rilevanti.

20171128_115924

Il cerchio posteriore presenta una piccola bozza dovuta ad un impatto. La protezione sul fodero destro non è sufficente a preservare la verniciatura dalle frustate ricevute dalla catena.

 

20171128_120145

 Conclusioni

Bici con un buon rapporto qualità/prezzo, adatta a rider ricreativi o occasionali che ricercano in una bici comoda da pedalare e facile da usare, che non necessita di periodi di adattamento e dà il meglio di se su terreni non estremi e a velocità controllate. I componenti di qualità montati  garantiscono una manutenzione limitata e un’ottima durata nel tempo.

In definitiva una trail bike dall’escursione maggiorata dal costo veramente contenuto, con un montaggio completo, pronta per affrontare uscite sui terreni più vari… ma senza velleità agonistiche!

 

20171126_134620

 

Radon Bikes  (in italiano)

Bike Discount

, ,

24 risposte a [Test] Radon Slide 140 Hybrid 7.0 400

  1. Rick 15/12/2017 at 18:59 #

    Senza ombra di dubbio il prezzo/allestimento ti fa passare sopra ad una estetica non proprio esaltante.
    Brava radon!!!

  2. vicma56 15/12/2017 at 19:08 #

    ….:???:….:(….:triumph:

  3. Rick 15/12/2017 at 19:11 #

    ….:???:….:(….:triumph:

    Che succede? :joy:

  4. vicma56 15/12/2017 at 19:13 #

    Che succede? :joy:

    … e' nuova ma sa di vecchio:relieved:

  5. Rick 15/12/2017 at 19:17 #

    … e' nuova ma sa di vecchio:relieved:

    Infatti, ma il prezzo…. Per qualcuno che si avvicina alla emtb è una scelta in piu e a volte il prezzo ti può attrarre se concorrenziale…

  6. Gatto02 15/12/2017 at 19:19 #

    Senza ombra di dubbio il prezzo/allestimento ti fa passare sopra ad una estetica non proprio esaltante.
    Brava radon!!!

    Si ma la batteria attaccata non fa fighi , no no lasciamo stare [emoji6][emoji851][emoji6][emoji851][emoji6][emoji851][emoji6]

  7. Fulltux 15/12/2017 at 19:21 #

    Penso siano riusciti a stabilire il record di categoria per il carro più lungo di sempre (nicolai esclusa) mezzo metro e dico MEZZO METRO !!!!
    Da panico hahahahahahahahahaha
    Peccato perchè sembra tutto in misura il resto……………..

  8. Rick 15/12/2017 at 19:23 #

    Si ma la batteria attaccata non fa fighi , no no lasciamo stare [emoji6][emoji851][emoji6][emoji851][emoji6][emoji851][emoji6]

    Non sono contro le batterie esterne, ma a quel prezzo è con quei montaggi da fastidio, e molto anche a Cube!!
    Se la bimba più piccola, avesse due/tre anni in più la prenderei per mia moglie!!
    Ah ho già avuto una mtb front della radon, acquistata qualche anno fa e per il prezzo che la pagai era una gran mtb…

  9. Rick 15/12/2017 at 19:25 #

    Penso siano riusciti a stabilire il record di categoria per il carro più lungo di sempre (nicolai esclusa) mezzo metro e dico MEZZO METRO !!!!
    Da panico hahahahahahahahahaha
    Peccato perchè sembra tutto in misura il resto……………..

    Vabbè, mica ci devi fare enduro con questa.. su strade forestali non serve a nulla il carro corto

  10. Bartbike 15/12/2017 at 19:32 #

    A me non dispiace

  11. Fulltux 15/12/2017 at 19:36 #

    Vabbè, mica ci devi fare enduro con questa.. su strade forestali non serve a nulla il carro corto

    Allora …… ribadisco il concetto ok le forestali e le ciclabili e non oltre ma …. ma che capperi mi significa MEZZOMETRO di carro ????
    E ancora non chiamarla Slide che i proprietari della slide a pedali si potrebbero offendere visto il dna completamente differente….

  12. Fulltux 15/12/2017 at 19:37 #

    A me non dispiace

    Bart non ci pensare minimamente se nò vengo li e ti sculaccio !!!!

  13. Ale 81 16/12/2017 at 10:01 #

    Mah, una ebike che già sembra vecchia di 4 anni, alla fine quanto si risparmia?

    Secondo me non ha senso, chi ha un budget di 3500 penso non abbia difficoltà a tirare fuor altri 500 euro per una ebike al passo coi tempi..

  14. Bigix1 16/12/2017 at 10:07 #

    Vado in controtendenza e mi schiero a favore delle batterie esterne che, a differenza di quelle integrate nel telaio permettono una notevole interscambiabilità specialmente a chi in famiglia ha più di una e-bike.
    Per il resto che dire…..costo basso e poca attrattiva con quel mezzo metro di carro.

  15. NicPe 16/12/2017 at 11:51 #

    Mah, una ebike che già sembra vecchia di 4 anni, alla fine quanto si risparmia?

    Secondo me non ha senso, chi ha un budget di 3500 penso non abbia difficoltà a tirare fuor altri 500 euro per una ebike al passo coi tempi..

    Bel test. Il modello base lo vendono a 2999 euro (quindi mirano a budget massimi sui 3000-3200) e per l'allestimento che ha è un buon prezzo. Considerate le componenti costa meno di una kittata. È ovvio alla prima occhiata che non è una bici da enduro e non è stata creata per chi fa percorsi tecnici e impegnativi. Chi fa enduro tosto ha bisogno di assistenza e manutenzione costante e non va ad acquistare su un sito come questo. Chi ama l'estetica e l'alta qualità, su questi siti non ci mette piede. Quindi un ottimo prodotto per il tipo di cliente al quale la bici è indirizzata: rispetto ai concorrenti di pari "estetica" ha una componentistica che non è affatto male. Con questa uno può già iniziare a divertirsi parecchio. E comunque ragazzi, se uno è una pippa non è che diventa un esperto spendendo 1000 euro in più. Chi inizia, magari dopo anni di inattività, a rimettere le chiappe su una MTB, dovrà preoccuparsi di più dei dolorini al fondoschiena che alla bellezza del mezzo :laughing:. E gli consiglierei caldamente di riprendere confidenza col mezzo prima di mettersi a fare enduro perché altrimenti va a farsi male. Con questa si possono già fare belle cosucce, senza pretese, ma con una buona stabilità e sicurezza.

  16. Jack e-bike 16/12/2017 at 12:18 #

    Le vitus basate sul telaio "universale" del motore shimano è adesso già sparite in quanto indisponibili ed esaurite a 3.500/4.000  mi sembrano migliori come qualità prezzo.
    http://vitusbikes.com/products/e-sommet-vr-2018/

  17. ducams4r 16/12/2017 at 12:57 #

    Le vitus basate sul telaio "universale" del motore shimano è adesso già sparite in quanto indisponibili ed esaurite a 3.500/4.000  mi sembrano migliori come qualità prezzo.
    http://vitusbikes.com/products/e-sommet-vr-2018/

    Davvero interessante, sia come quote geometriche che come allestimento.

    È la prima che vedo con 160/170 mm di escursione, sei sicuro che sia il telaio "universale"?

  18. Ale 81 16/12/2017 at 13:06 #

    Bel test. Il modello base lo vendono a 2999 euro (quindi mirano a budget massimi sui 3000-3200) e per l'allestimento che ha è un buon prezzo. Considerate le componenti costa meno di una kittata. È ovvio alla prima occhiata che non è una bici da enduro e non è stata creata per chi fa percorsi tecnici e impegnativi. Chi fa enduro tosto ha bisogno di assistenza e manutenzione costante e non va ad acquistare su un sito come questo. Chi ama l'estetica e l'alta qualità, su questi siti non ci mette piede. Quindi un ottimo prodotto per il tipo di cliente al quale la bici è indirizzata: rispetto ai concorrenti di pari "estetica" ha una componentistica che non è affatto male. Con questa uno può già iniziare a divertirsi parecchio. E comunque ragazzi, se uno è una pippa non è che diventa un esperto spendendo 1000 euro in più. Chi inizia, magari dopo anni di inattività, a rimettere le chiappe su una MTB, dovrà preoccuparsi di più dei dolorini al fondoschiena che alla bellezza del mezzo :laughing:. E gli consiglierei caldamente di riprendere confidenza col mezzo prima di mettersi a fare enduro perché altrimenti va a farsi male. Con questa si possono già fare belle cosucce, senza pretese, ma con una buona stabilità e sicurezza.

    Mah, sulla stessa fascia di prezzo io prenderei cube, magari accontentandomi dei modelli non ancora integrati se ho problemi di budget..

    Ripeto, secondo me non ha un prezzo convincente per una ebike che è ormai vecchia, e cmq a pari prezzo prendo i modelli non ancora aggiornati di cube sui quali ho maggior fiducia su qualità e rivendibilita..

  19. CORSARO 16/12/2017 at 15:23 #

    Le vitus basate sul telaio "universale" del motore shimano è adesso già sparite in quanto indisponibili ed esaurite a 3.500/4.000  mi sembrano migliori come qualità prezzo.
    http://vitusbikes.com/products/e-sommet-vr-2018/

    ci credo sono sparite…. con quel prezzo… montaggio… geometrie… MI SEMBRANO UNO DEI MIGLIORI ACQUISTI…. certo se metti qualche 100 euro in più prendi cube… che almeno hai un "brand"

    mi sembrano delle ottime conferme che non c'è bisogno di spendere 6000 euro per avere un buon mezzo

  20. Jack e-bike 16/12/2017 at 17:05 #

    Davvero interessante, sia come quote geometriche che come allestimento.

    È la prima che vedo con 160/170 mm di escursione, sei sicuro che sia il telaio "universale"?

    È molto simile a quello Atala.
    Wilier, Sants e cicli Elios sono leggermente diversi ma su stesse basi. Kawasaki e Brinke sono uguali fra loro. In pratica sono telai base con qualche variante. Conway usa gli stessi telai di Atala da anni per Bosch ma non hanno quelli con batterie integrate.  Se si è pratici di Alibaba si capisce come funziona.

  21. ducams4r 16/12/2017 at 21:57 #

    È molto simile a quello Atala.
    Wilier, Sants e cicli Elios sono leggermente diversi ma su stesse basi. Kawasaki e Brinke sono uguali fra loro. In pratica sono telai base con qualche variante. Conway usa gli stessi telai di Atala da anni per Bosch ma non hanno quelli con batterie integrate.  Se si è pratici di Alibaba si capisce come funziona.

    Non sono pratico di Alibaba, ma le altre che hai citato, mi pare che nessuna abbia 160mm post e 170 davanti.
    Poi questa ha un horst e l'ammortizzatore flottante, almeno sembra così dalle foto

Lascia un commento


Vai alla barra degli strumenti